Il miglior armagnac

Ultimo aggiornamento: 05.10.22

 

 

Le nostre selezioni dei migliori armagnac

Siete indecisi su quale armagnac comprare o sapete poco di questo distillato? Non perdetevi d’animo e leggete le nostre recensioni per scoprire i prodotti più interessanti tra quelli attualmente venduti online. La nostra classifica dei migliori armagnac del 2022 vi aiuterà a selezionare quello più adatto alle vostre esigenze.

 

Janneau Grand Armagnac

 

1. Janneau Grand Armagnac VSOP 70 cl

 

La maison Janneau è una delle più antiche tra le case produttrici di armagnac, fondata nel 1851 è oggigiorno particolarmente apprezzata per la sua vasta offerta. Il distillato qui preso in esame è il più economico della lista e rientra nella categoria VSOP, invecchiato per 20 anni in botti di legno di quercia nuove. Le uve utilizzate sono le Baco, Ugni Blanc e Folle Blanche, coltivate in due aree principali: Bas Armagnac e Tènaréze. All’aspetto si presenta ambrato, con sentori di lillà, caramello e uvetta tostata.

Trattandosi di uno dei prodotti più venduti, non poteva che trovarsi in testa alla classifica, tuttavia ci sono alcuni fattori da prendere in considerazione. Non tutti gli utenti sono infatti soddisfatti della confezione. In alcuni casi in alluminio, ideale dunque per un regalo a parenti o amici appassionati di liquori, mentre in altri in cartone, poco adeguata e resistente, soprattutto durante le spedizioni.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Bas Armagnac

 

2. Bas Armagnac Laubade 1990

 

La tradizione dei grandi distillati francesi si rinnova con questo Millesimato di Chateau de Laubade, prodotto esclusivamente con le uve della vendemmia del 1990 e lasciato invecchiare per più di 15 anni in botti di rovere di Guascogna per esprimere tutta la finezza e la complessità delle migliori acquaviti di Francia.

Proposto in un’elegante confezione di legno con dettagli dorati, è l’Armagnac più costoso della nostra classifica perché prodotto in uno dei più rinomati e antichi Domaine della regione, in attività fin dal 1870.

Un’etichetta di prestigio che rispecchia tutte le caratteristiche tipiche dell’annata, vestendo il calice di un bel colore ambrato intenso e brillante che fa da preludio a un aroma di ampio respiro, con profumi evoluti di frutta matura, vaniglia e spezie dolci.

Il sorso ricco e corposo culmina in un finale ritmato da una vivace retrogusto mielato di grandissima persistenza e nitidezza.

Sicuramente uno dei migliori Bas Armagnac per finezza e complessità gusto-olfattiva, dedicato agli intenditori di questo celebre e storico distillato francese, che vogliono assaporarne tutto il sapore autentico nella sua massima espressione di purezza.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Armagnac Saint Vivant

 

3. Armagnac Saint Vivant

 

Perfetto per gli intenditori di questo storico e celebre distillato, ma adatto anche ai neofiti che vogliono cimentarsi per la prima volta nella degustazione di una delle più antiche acquaviti francesi, l’Armagnac Saint Vivant si contraddistingue per il gusto pieno e corposo, frutto di una ricca e lunga tradizione risalente al 1559.

Con il nuovo design dell’iconica “bottiglia storta”, la cantina S. Vivant De La Salle ha voluto omaggiare la prima bottiglia di Brandy Armagnac, prodotto proprio nel 1559 e ancora oggi fermentato e distillato in un paiolo di rame tradizionale prima dell’invecchiamento in botti di rovere.

Il profumo consistente e il caratteristico colore ambrato con riflessi dorati fanno da preludio a un sapore armonico e ben strutturato che si allunga verso un finale dai continui echi speziati, percepibili sia al naso sia in bocca con buona persistenza.

Il costo decisamente interessante lo rende una delle offerte migliori per rapporto qualità/prezzo, ponendosi come scelta ideale sia per fare un regalo originale a un appassionato di Armagnac pregiati sia per tenerne una bottiglia in casa da servire agli ospiti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Armagnac XO

 

4. Dartigalongue Caraffa Diva Bas Armagnac XO con cassa legno

 

A giudicare dai pareri di esperti e intenditori, il Bas Armagnac XO Caraffa Diva è uno dei migliori distillati prodotti dalla maison francese Dartigalongue, fondata sotto il regno di Luigi Filippo I di Francia nel 1838, con sede a Nogaro nella regione dell’Occitania.

Alla vista si presenta con un intenso colore ambrato, esordendo al naso con piacevoli note di prugne, datteri e miele. Al palato risulta denso e corposo, con un’intrigante componente floreale che conferisce freschezza al sorso e sfuma su una scia speziata di ottima persistenza, con continui ritorni aromatici e fruttati.

Si può gustare sia liscio, per riuscire a coglierne ogni singola sfumatura, sia accompagnato da qualche cubetto di ghiaccio e una scorza di arancia per renderlo più leggero e rinfrescante.

In comparazione con altri distillati “Extra Old”, si nota subito come la bottiglia proposta da ‎Pascal Dartigalongue rientri in una fascia di prezzo abbastanza elevata, non solo per l’elegante confezione in legno, ma anche perché parliamo di un Armagnac XO invecchiato da 15 a 25 anni.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Armagnac Duc de Maravat

 

5. BAS ARMAGNAC DUC DE MARAVAT

 

Prodotto seguendo l’antico metodo di distillazione continua in alambicchi a colonna, con successivo affinamento all’interno di botti di quercia dopo un lungo periodo di invecchiamento, il Bas Armagnac Duc de Maravat si contraddistingue per l’elegante e complessa aromaticità che rende il sorso armonico e avvolgente.

Già avvicinando il naso al bicchiere si percepiscono le inconfondibili note vanigliate dell’affinamento in legno, a cui fanno seguito sentori di tabacco, spezie e chiodi di garofano che preparano il palato a un’entrata molto decisa ed equilibrata che lascia la bocca pienamente soddisfatta già al primo sorso.

La bottiglia da 70 cl viene proposta a un prezzo molto competitivo che la rende ideale per chi vuole assaggiare per la prima volta un Bas Armagnac di ottima qualità, senza spendere un occhio della testa.

Per scoprire dove acquistare questa iconica etichetta francese a prezzi bassi, non vi resta altro da fare che cliccare sul link in basso per essere immediatamente indirizzati alla pagina del venditore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Armagnac Napoleon

 

6. Grand Armagnac Janneau Napoleon

 

I nostri consigli su come scegliere un buon Armagnac proseguono con un altro storico distillato francese molto apprezzato dai veri intenditori: il Grand Armagnac Napoleon prodotto dall’antichissima distilleria Janneau, fondata da Pierre Etienne Janneau nel 1851 a Condom.

Ottenuto dalla doppia distillazione di uve Baco e Ugni Blanc provenienti dalle zone di Ténarezé e Bas Armagnac, al confine tra i dipartimenti del Gers e delle Landes, si presenta alla vista con il caratteristico colore ambrato scuro contornato da bellissimi riflessi dorati, debuttando al naso con uno spettro olfattivo intenso e corposo in cui si stagliano note di legno e vaniglia.

In bocca si sprigiona un sapore pieno e rotondo che culmina in un finale di grande persistenza, con un piacevole retrogusto di prugne mature e spezie dolci.

La versione astucciata qui proposta viene venduta a un prezzo tutto sommato accettabile per un Armagnac di pregio e ben strutturato, da gustare liscio sia da solo sia in abbinamento a piatti dolci e salati dal sapore deciso o speziato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Vieil Armagnac

 

7. Clés des Ducs Vieil Armagnac V.S.O.P. 40%

 

Meno strutturato e corposo rispetto ai precedenti, ma comunque degno di menzione per l’ottimo rapporto qualità/prezzo, il Vieil Armagnac V.S.O.P. proposto dalla famosa cantina francese Clés des Ducs è un distillato semplice e dal sapore aromatico molto delicato, che viene lasciato maturare in botti di rovere per almeno quattro anni.

Ideale per i neofiti che vogliono approcciarsi per la prima volta al mondo degli Armagnac, magari per testarne il sapore e l’aromaticità prima di acquistare un’etichetta più prestigiosa e costosa, presenta un profumo molto dolce e avvolgente, in cui si distinguono chiaramente le note di frutta secca, uva sultanina, prugna e mele cotogne.

Il gusto è intenso, ma non prepotente, con continui ritorni aromatici di frutta matura e fiori che sfumano su una scia speziata di buona persistenza.

L’astuccio decorato con motivi che ricordano la pelle di coccodrillo racchiude un’elegante bottiglia in vetro prismatico ideale per arricchire la propria collezione di liquori o anche da regalare in occasione di un evento importante.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Armagnac Marquis de Montesquiou

 

8. Marquis De Montesquiou Reserve Armagnac

 

Un altro grande classico francese in fatto di liquori e distillati è sicuramente l’Armagnac Marquis de Montesquiou, perfetto sia per i veterani sia per i principianti.

Frutto di un accurato e intenso lavoro di distillazione in alambicchi di rame puro, è un ottimo blend di uve Ugni Blanc, Folle Blanche e Colombar, maturato in grandi botti di rovere che gli conferiscono vigore, freschezza e qualità aromatiche di grande rilievo.

Le note di vaniglia, cannella e noce moscata si fondono a sentori di mandorla e ciliegia sciroppata, impreziositi da ricchi timbri speziati che fanno da apripista a una forte gradazione alcolica tra il 52 e il 60%.

Il sapore corposo e ben strutturato viene ritmato da un retrogusto fresco e scattante che conferisce ampiezza e avvolgenza al sorso, lasciando la bocca pienamente soddisfatta e gratificata.

Nel complesso è un liquore molto equilibrato e piacevole da bere, anche da solo e senza alcun tipo di accompagnamento.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Armagnac Vsop

 

9. Armagnac Janneau Vsop 1050074

 

Frutto di un lento e continuo processo di distillazione dei vini bianchi prodotti nella regione francese di Ténarèze, l’Armagnac Vsop Janneau è un blend di acquaviti di diversa annata, dove la più giovane ha sette anni di invecchiamento in fusti di rovere.

Il luminoso colore dorato, con accattivanti venature ramate che traspaiono dalla bottiglia in vetro ondulato, anticipa il sapore ampio, morbido ed equilibrato che delizia le narici e il palato con sentori fruttati sorretti da una piacevole scia di spezie e vaniglia.

Altra caratteristica unica del Janneau Grand Armagnac Vsop è l’intenso retrogusto di frutta matura, con note di miele e caramello che lasciano un lieve accenno di affumicatura sul finale.

La bottiglia da 70 cl viene proposta a un prezzo abbastanza conveniente se si considera l’elevata qualità degli ingredienti scelti per la produzione del distillato e il prestigio della cantina che lo produce.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Armagnac Ducastaing

 

10. Ducastaing Armagnac Aoc Vs

 

L’ultimo prodotto che vi proponiamo è l’Armagnac Ducastaing Aoc Vs, un distillato davvero eccellente, prodotto con uve colombard, ugni blanc, baco blanc e folle blanche, e lasciato invecchiare per almeno sei anni in botti di quercia.

Alla vista si presenta subito accattivante con un intenso e brillante color rame antico, mentre al naso esordisce con sentori floreali vagamente speziati che invitano subito al sorso.

Piacevole e intenso al palato, dove conferma le note olfattive, insieme a un delicato accenno di caramello e frutta bianca, è un liquore dal finale lungo e persistente che lascia soddisfatti anche i bevitori più esigenti.

La gradazione alcolica del 40% e il prezzo molto competitivo della bottiglia da 70 cl lo rendono la scelta d’elezione per chi ama i distillati da meditazione in stile Cognac da sorseggiare con lentezza dopo qualche minuto di ossigenazione in un balloon basso.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Origine e uso

 

Storia

L’armagnac è uno dei distillati più antichi prodotti in territorio francese, persino precedente al forse più famoso cognac. Basti pensare che la sua prima menzione risale ai primi del 1300, e se ne parla in un manoscritto che ne decanta le lodi di medicinale. Come tanti altri alcolici in epoca medievale, anche l’armagnac veniva considerato un toccasana, utilizzato soprattutto nei monasteri anche se all’epoca aveva un nome differente: aygue ardente.

L’epiteto odierno deriva invece dalla zona in cui storicamente è prodotto, la Guascogna, che più precisamente era chiamata “Contea di Armagnac”, nota da secoli per i suoi vitigni. La zona produttiva principale conserva invece il nome antico ed è denominata Bas-Armagnac, a sua volta suddivisa in tre territori da cui provengono le uve: Grand Bas-Armagnac, Fins Bas-Armagnac e Petit Bas-Armagnac. Tuttavia non è l’unica cru poiché esistono anche Haut-Armagnac e Ténarèze, il cui distillato presenta delle proprietà leggermente differenti.

Come per il cognac, anche l’armagnac presenta delle sigle differenti in base al periodo di invecchiamento, si utilizzano generalmente gli stessi termini come VS, ovvero very special, con invecchiamento da uno a tre anni; VSOP, che prevede un riposo che va da quattro a nove anni; Hors d’Age o anche XO, da dieci a diciannove anni e infine XO Premium, per l’armagnac invecchiato per oltre venti anni.

In alcuni casi è possibile trovare anche l’anno di distillazione, per bottiglie estremamente pregiate e dal costo generalmente che può eccedere il centinaio di euro. Questo prodotto è ancora ritenuto di nicchia e la sua consumazione avviene prevalentemente sul territorio francese, con una piccola percentuale dedicata all’esportazione. Se volete colpire i vostri ospiti con il miglior armagnac in vendita sul mercato, potreste considerare l’acquisto di una delle bottiglie che abbiamo recensito per voi.

Mix

La mixologia relativa all’armagnac è molto più ricercata e difficilmente troverete dei cocktail estremamente famosi o popolari tra queste righe. Trattandosi di un distillato per una nicchia di intenditori, potreste non aver mai sentito parlare di Armagnac Stinger, D’Artagnan o Brandy Smash, se siete incuriositi, quindi, vi invitiamo a continuare nella lettura.

Il primo è un’insolita combinazione di 60 ml di armagnac, 45 ml di crema di menta, un po’ di bitter all’arancia e per decorare, infine, aggiungere della menta in foglia che richiami al sapore fresco del cocktail.

Il secondo è dedicato al famoso moschettiere di Alexandre Dumas, proveniente proprio dalla Guascogna, quale nome migliore di D’Artagnan, dunque, per un mix costituito da 15 ml di armagnac, 15 ml di triple sec, 60 ml di succo d’arancia e 5 ml di sciroppo di glucosio. In base al vostro palato potrete aggiungere anche dello champagne, in quantità minori, per un po’ di brio in più.

Il Brandy Smas, a differenza di quello che potreste pensare, non include il brandy ma è preparato con 50 ml di armagnac, 20 ml di sciroppo di glucosio, foglie di menta e fettine di limone per guarnire il tutto. Si tratta di un cocktail fresco, perfetto per aperitivi da condividere insieme ai propri amici.

 

Conservazione

Come il cognac, anche l’armagnac va conservato facendo molta attenzione all’inclinazione della bottiglia che deve essere tenuta sempre in posizione verticale, per evitare che il liquido all’interno entri a contatto diretto con il tappo di sughero. Per quanto riguarda invece la temperatura ideale, dovrebbe essere compresa tra i 15 e i 20° centigradi, possibilmente in luogo fresco e asciutto. 

Se la bottiglia è chiusa, con questi accorgimenti potrà durare anche qualche anno prima che le note organolettiche si modifichino inevitabilmente, tuttavia se la bottiglia è aperta, allora dovrete fare attenzione all’introduzione di ossigeno che aumenta il decadimento. Acquistate dunque dei tappi in grado di sigillare al meglio la bottiglia o puntate sul travaso, spostando la bevanda in contenitori più piccoli man mano che il livello scende.

 

Valore nutrizionale

Per un bicchiere di 30 ml di armagnac, l’apporto energetico è pari a circa 70 kcal, non particolarmente eccessivo dunque, fattore che permette di goderselo senza troppi problemi. Basti pensare che per consumare le calorie assunte vi basteranno 10 minuti di bicicletta o 7 minuti di corsa. Tutto si complica però se si inizia a eccedere con le dosi, cosa che sconsigliamo non solo perché dannosa per l’organismo ma anche per il costo dell’armagnac!

Bere responsabilmente

Difficilmente vi ritroverete a far festa con l’armagnac, tuttavia ricordate sempre che si tratta di un alcolico e anche se ne consumate piccole dosi, è bene evitare di mettersi al volante subito dopo. Pasteggiare e attendere qualche ora permette di digerire un bicchiere senza troppi problemi ma, se possibile, lasciate che a guidare sia un vostro amico o familiare.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI