Il miglior Chianti

Ultimo aggiornamento: 05.12.21

 

Conclusione

 

 

Le nostre selezioni dei migliori Chianti

 

Se avete intenzione di acquistare un buon Chianti, allora ecco le soluzioni migliori che abbiamo individuato su Internet.

 

1. Sant’Orsola Rosso Chianti DOCG

 

Sant’Orsola rappresenta uno dei marchi più amati e conosciuti al mondo, tutto italiano.

Il Chianti firmato dalla maison è un vino prodotto da vigna le cui uve vengono trattate con professionalità. Ogni singola fase di produzione, dai vigneti alla cantina, viene seguita senza l’uso di erbicidi, e in più tra i filari viene mantenuto l’inerbimento controllato tramite il sovescio, rispettando così il ritmo naturale. Il risultato è quindi un vino dal gusto rotondo e piacevolissimo, che accompagna bene primi piatti invernali e secondi piatti a base di carne.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Santa Cristina Chianti Superiore DOCG

 

Siamo di fronte uno dei vini più economici che si possano trovare. Ma il Chianti Santa Cristina non è solamente un prodotto dal buon rapporto qualità-prezzo, perché vanta diverse caratteristiche olfattive e organolettiche che lo contraddistinguono rispetto altri prodotti simili. 

La lavorazione rispettosa dell’uva permette di ottenere un risultato soddisfacente sotto diversi punti di vista: in primis, lo si nota con i tannini vellutati e morbido, che accolgono bene il palato e amplificano l’esperienza di degustazione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Nipozzano Chianti Riserva Frescobaldi

 

Ecco un’altra bottiglia che farà gola agli amanti del vino rosso, per due motivi principali.

Il primo motivo è che si tratta di un Chianti storico, emblema del Castello Nipozzano, ossia un vero e proprio simbolo di tutto ciò che rappresenta la tradizione vitivinicola toscana.

Il secondo motivo, è che il metodo di preparazione, l’uva utilizzata e in generale anche la qualità della bottiglia fanno assumere al vino un colore rosso rubino intenso, che denota un carattere deciso ed elegante.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Tenute Piccini Chianti Riserva

 

La quarta bottiglia di Chianti che abbiamo individuato come valida è firmata Tenute Piccini e vanta almeno due qualità fondamentali.

In primis e un vino rosso dal gusto rotondo e dall’aroma pregiato, che si abbina a quasi ogni tipo di piatto, e che perciò può diventare anche un ottimo regalo da fare in vista di un compleanno o di un evento speciale.

In secundis, la confezione in cui viene spedito è in legno, realizzata appositamente per accogliere la bottiglia.

Questo rende ancora più pregevole il prodotto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Castellina Chianti Classico Rosso

 

Quando a cena avete parenti e amici che volete stupire, con questo Chianti andate sul sicuro.

Si tratta infatti di un vino prodotto da alcuni vitigni di alta qualità, che ha un gusto tannico poco accentuato e che quindi si presta benissimo a essere servito con carne rossa o con il pesce, per i più temerari.

In ogni caso gli abbinamenti saranno diversi e potrete così sperimentare nuove combinazioni tra cibo e vino per stupire tutti a cena.

La bottiglia è abbastanza resistente e riesce a conservare bene il vino anche una volta aperta: l’importante sarà fare in modo da evitare il contatto prolungato con fonti di calore come il sole.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Antinori Pèppoli Chianti Classico DOCG

 

Un Chianti dai colori rubino e con riflessi violacei, che offre un gusto fresco, leggero e giovanile.

Ecco il prodotto proposto dalla cantina Antinori: una soluzione ideale come regalo per un evento speciale.

Quando viene degustato presenta una buonissima persistenza e una struttura tannica eccezionale, che permette abbinamenti con diversi tipi di alimenti e piatti.

Per questa ragione potrete considerarlo alla stregua dei Chianti più acclamati dagli utenti sul web, e optare per questo risparmiando anche qualcosa.

I tannini setosi e levigati si mescolano perfettamente con la sapidità gustosa del vino, creando questa sinfonia eccellente.

Un prodotto che unisce tradizione e innovazione senza alcuna difficoltà reale.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Castellare di Castellina Chianti Classico Docg

 

Quanti sono alla ricerca di un vino rosso perfetto per le diverse occasioni a pranzo con a cena possono dare un’occhiata a questa soluzione.

Il Chianti Castellare di Castellina è un vino dal gusto non troppo forte che però riesce a contrastare anche in abbinamenti meno promettenti.

Il costo complessivo di un set di bottiglie è anche perfetto per chi ha un budget limitato, perciò non dovete impazzire per andare alla ricerca di soluzioni diverse e più costose.

Bisognerà fare solo attenzione alla conservazione, per evitare che ci siano problemi e inacidimento.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Tenute Piccini Chianti Classico DOCG

 

Siamo giunti all’ottava posizione di questa nostra classifica, che si caratterizza per una confezione ricca di vini eccezionali.

Infatti, Tenute Piccini offrono ben tre bottiglie di Chianti Classico, proposte all’interno di una cassetta di legno pratica ed elegante.

In questa maniera non dovrete neanche impazzire per cercare una confezione regalo, perché già di per sé è perfetto per metterlo sotto l’albero, mascherando solo i nomi con una carta da regalo.

Si tratta quindi di un bel tris economico e vincente, dal gusto sapido ma avvolgente, perfetto accompagnato a un buon piatto di carne alla griglia o cotta lentamente sul fuoco.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

9. Agricoltori del Geografico Chianti Riserva DOCG

 

La penultima posizione dei nostri suggerimenti di acquisto per quanto concerne il vino Chianti è occupata da questa proposta firmata Agricoltori del Geografico.

Si tratta di una sorta di consorzio che tutela e porta avanti la tradizione della realizzazione di vini Chianti, particolarmente accessibili a tutti.

Per esempio, questa confezione si compone di ben 6 bottiglie, tutte dell’annata 2016, caratterizzate da un vino corposo, rosso e ben bilanciato nella sapidità.

Il costo complessivo per queste 6 bottiglie non è neanche così alto, considerando che in commercio esistono proposte molto meno vantaggiose sotto diversi punti di vista.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

10. Cecchi Chianti DOCG

 

Ultima bottiglia di Chianti della nostra classifica, il vino Cecchi è quasi un’istituzione per il territorio toscano.

In effetti, non ha nulla da invidiare nella forma e nel gusto ad altre proposte nettamente più conosciute all’estero.

Il costo di una bottiglia è davvero bassissimo, se si considera anche il buon bilanciamento al palato, risultando morbido e intenso.

Si tratta, in più, di un vino particolarmente versatile, adatto tanto per le occasioni speciali, quanto per una cena tra amici o in famiglia, sorseggiandolo tra un secondo di carne rossa o bianco e l’altro.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Origine e utilizzo

 

I cosiddetti wine lovers sapranno senz’altro l’origine del Chianti, ma tutti gli altri è bene che apprendano da dove deriva uno dei vini italiani più amati in tutti il mondo.

La sua, infatti, è un’origine tutta nostrana: il Chianti è un’area toscana di produzione esponenziale dal punto di vista vinicolo, e copre un vastissimo territorio.

Pensate che ogni anno la regione riesce a produrre più di otto milioni di bottiglie di vino, tutte classificate come DOC e DOCG, che certificano provenienza e alta qualità di ciò che si andrà a bere.

L’utilizzo del vino Chianti in cucina è anch’esso molto vasto: può essere accompagnato da un buon piatto di carne bianca o rossa, oppure anche bevuto singolarmente grazie alla sua sapidità e tannicità ben bilanciate.

Storia

Il Chianti ha senza ombra di dubbio origini molto umili: risalendo al diciottesimo secolo, possiamo notare la prima comparsa di questa denominazione vinicola, che copriva l’area geografica del Radda e Gaiole e dei villaggi di Castellina, diventati poi tutti insieme provincia del Chianti.

Purtroppo però la storia del Chianti non è stata sempre rose e fiori, perché dopo la Seconda Guerra Mondiale tutti i produttori, concentrati nella produzione di grandi quantità di vino, iniziarono a tralasciare invece la qualità.

Questa situazione durò poi per diversi anni, fino a quando non giunsero degli imprenditori e nuovi produttori che standardizzarono la produzione, dando vita al Chianti che oggi tutto il mondo ci invidia.

 

Mix

A differenza di altri tipi di vino e bevande, il Chianti è un signor vino, perciò difficilmente si potrà mescolare a drinks o alcolici di vario genere.

Nel mondo esistono certamente professionisti che amano creare unioni miracolose al palato, ma questo non vuol dire che siano la scelta migliore per degustare diversamente il Chianti.

Infatti, la soluzione più adatta per poterne assaporare tutte le sfumature è quella di servirlo a tavola con carne rossa o bianca, oppure con qualche formaggio.

Solo in questo modo si potrà effettivamente gustare il sapore tannico e armonico di questo vino che contraddistingue la produzione del nostro Bel paese.

 

Conservazione

La raccomandazione che tutti i produttori fanno quando si acquista una o più bottiglie di Chianti è relativa alla sua conservazione.

Infatti, bisogna sempre evitare di agitare la bottiglia, quindi è bene tenerla al riparo da fonti di calore e di luce che altrimenti potrebbero rovinare e alterare tutte quelle proprietà organolettiche fondamentali per una degustazione di alto livello.

Preferibilmente, conservate il Chianti in una cantina o anche in una stanza oscura, in un luogo non umido e in posizione orizzontale.

La temperatura ideale è infatti accertata tra i 16°C e i 18°C.

 

Valore nutrizionale

Troppo spesso e volentieri quando si beve vino si tralasciano anche tutti quegli aspetti fondamentali come i nutrienti contenuti all’interno.

Nel caso del Chianti possiamo dire che un solo bicchiere contiene 87 calorie, 2,8 g carboidrati e 0,07 g proteine.

Considerate però che, come per tutte le bevande alcoliche, le calorie introdotte sono vuote, cioè non possono essere impiegate dall’organismo per la produzione di energia.

Questo vuol dire che rimarranno in circolo anche gli altri nutrienti, trasformandosi poi in grassi o altro.

Bere responsabilmente

Per molti potrebbe apparire scontato ma non è assolutamente così: bere responsabilmente vuol dire gustare appieno il Chianti, coscienti dei propri limiti.

Per questa ragione bisogna sempre regolarsi quando si cena fuori e ci si muove con l’auto o con la moto, e in generale con tutti i mezzi possibili.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI