Il miglior Moltepulciano d’Abruzzo

Ultimo aggiornamento: 05.12.21

 

 

Conclusione

 

 

Le nostre selezioni dei migliori Montepulciano d’Abruzzo

 

Quanti sono alla ricerca dei migliori Montepulciano d’Abruzzo, troveranno prossimamente ciò che cercano: abbiamo redatto una serie di recensioni e opinioni sulle principali bottiglie vendute online.

 

1. Vigneti Radica Montepulciano D’Abruzzo Vino Rosso

 

La prima posizione della nostra cantina virtuale è occupata da questo Montepulciano d’Abruzzo d’eccellenza.

Si tratta di un vino rosso della casa Vigneti Radica, una delle più amate dagli intenditori.

La sua caratteristica principale è che si tratta di un blend di ben due vigneti: Ortona e Fara Filiorum Petri, che rendono ancora più corposo al gusto questo vino.

Va generalmente servito a 18°C, ma quando viene aperto per la prima volta è bene che si mantenga anche una certa attenzione, perché la bottiglia potrebbe rovinarsi ed essere inutilizzabile a lungo.

Ottimo anche il rapporto qualità/prezzo: ideale per chi vuole spendere il giusto per un vino buonissimo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Brumale Vino Rosso Montepulciano D’abruzzo DOC 

 

La seconda proposta è quella un po’ più classica: un Montepulciano d’Abruzzo DOC firmato Brumale, che si caratterizza per un profumo delicato e complesso, e colori vivaci con riflessi violacei.

Anche in questo caso però possiamo dire di avere di fronte un vino rosso dal giusto equilibrio tannico, perché il gusto fruttato e ricco è ben armonizzato quando giunge sul palato.

Davvero eccellente è anche il rapporto qualità/prezzo, se si considera che per circa 750 ml di vino si andrà a pagare meno di 5 euro complessivi.

Non ci sono poi dei punti di debolezza importanti da prendere in considerazione in fase di acquisto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Vino Rosso Montepulciano d’Abruzzo Riserva DOCG 2015 Cantina Mazzarosa

 

L’azienda agricola che produce questo vino realizza il Montepulciano d’Abruzzo da oltre 150 anni, perciò vanta un know-how di estremo spessore.

Il vino viene infatti prima affinato in botti grandi per poi passare in barrique per circa un anno, finendo la sua fase di maturazione in bottiglia per i restanti 6/8 mesi.

Il gusto che se ne ricava è intenso, con note fruttate di altissima qualità, sentori di vaniglia e di spezie che creano il giusto accompagnamento per piatti di carne rossa.

Le bottiglie della Cantina Mazzarosa vantano anche un riconoscimento: la Medaglia d’oro Gilbert & Gaillard 2021.

Interessante è anche la confezione: con pochissimo vi porterete a casa ben 6 bottiglie di questo meraviglioso Montepulciano d’Abruzzo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Sant’Orsola Montepulciano DOC Abruzzo

 

Il Montepulciano d’Abruzzo firmato dalla cantina Sant’Orsola è un prodotto davvero interessante sotto alcuni punti di vista.

In primo luogo, perché si tratta di un vino rosso d’eccellenza, realizzato con il 100% di vitigni montepulciano, che donano un aspetto rosso rubino con sfumature violacee eleganti.

In secondo luogo, perché l’azienda produttrice permette di acquistare una serie di bottiglie a un prezzo competitivo.

Questo potrebbe quindi trasformarsi in un grazioso presente per tutti coloro che non sanno cosa regalare in occasione di un evento speciale, e vogliono stupire tutti al tavolo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Masciarelli Montepulciano d’Abruzzo DOC

 

Masciarelli è un marchio di vini rossi conosciuto in particolar modo da tutti coloro che amano la ricerca del prodotto perfetto.

Infatti, non è un caso se al gusto appare equilibrato e ben studiato in tutte le sue sfumature aromatiche.

Il Montepulciano d’Abruzzo Masciarelli si abbina con estrema facilità anche a piatti più corposi, ma sempre a base di carne rossa.

Inoltre, ha un costo leggermente sopra la media se si fa un paragone con altre proposte più ricche in termini di quantità di prodotto.

Ideale anche abbinato a un piatto con il tartufo nero; perciò possiamo dire che è un vino parecchio versatile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Vigneti Radica Paparocco Montepulciano D’Abruzzo 2016

 

 

Avete intenzione di preparare l’abbacchio o un piatto ricercato a base di carne rossa ma non sapete quale Montepulciano d’Abruzzo abbinare?
Ecco ciò che farà per voi e per il palato dei vostri commensali: un vino rosso ben strutturato ma che lascia spazio alla fantasia una volta degustato.

Ottimo l’imballaggio e la confezione, che permettono di mantenere integra la bottiglia senza troppi sforzi.

In più, è pensato per tutte quelle occasioni speciali, quindi anche per diventare un pratico e apprezzatissimo regalo, dal costo morigerato e dal risultato assicurato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Vino Rosso Montepulciano d’Abruzzo D.O.C. 2019 Cantine LAMPATO” Colline Pescaresi

 

Fruttato, speziato e leggermente etereo: ecco come descrive l’azienda produttrice il gusto di questo vino rosso.

Del resto, ci sono anche moltissimi pareri su Internet che confermano quanto appena detto, perciò se siete alla ricerca di un Montepulciano d’Abruzzo corposo, secco e non eccessivamente tannico, date una chance a questa bottiglia.

Interessante è anche il rapporto quantità/prezzo: a un costo davvero conveniente avrete l’occasione di acquistare ben 6 bottiglie.

In questo modo potrete farvi una scorta importante per servire le vostre pietanze a base di carne rossa al meglio.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Marramiero Infero Montepulciano d’Abruzzo DOC 2017

 

L’ottava posizione dei migliori Montepulciano d’Abruzzo è occupata da una proposta semplice ma non semplicistica nel gusto.

Infatti, la bottiglia elegante e dal design classico non è sicuramente da sottovalutare, perché vi farà fare un figurone a tavola.

Il gusto corposo ma non troppo e la tannicità ben bilanciata sono un plus da prendere in considerazione durante l’acquisto.

Interessante è anche il rapporto qualità/prezzo, perché a un costo davvero competitivo potrete portare a casa.

Attenzione anche perché è imbottigliato in una versione limitata, perciò potrebbe valere molto di più in futuro.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

9. Montepulciano d’Abruzzo Selvatico DOC 2018

 

Questo vino rosso rappresenta una vera evoluzione del gusto del Montepulciano d’Abruzzo, per un motivo molto semplice: si tratta di una tipologia selvatica.

Armonioso e al tempo stesso corposo, ma privo di tutte quelle strutture più ricercate, questa bottiglia farà per voi se volete trovare un prodotto che abbia un quid in più.

L’aroma è affascinante, il gusto è leggermente fruttato ma anche piacevole sul palato, perciò il suo abbinamento è molto variegato.

Potrete servirlo insieme a piatti di carne rossa come un brasato, oppure con risotti ai funghi.

Insomma, è versatile e anche economico, ideale per stupire gli amici a cena.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

10. Montepulciano d’Abruzzo DOC Tenuta Ulisse

 

L’ultimo prodotto della classifica è un vino rosso Montepulciano d’Abruzzo ottenuto tramite un tipo di lavorazione molto particolare.

L’uva viene fatta fermentare in vasche di cemento, e grazie all’azione dei lieviti naturali inizia a dare vita al mosto, che si trasformerà poi nel vino che oggi tutti apprezziamo.

Aroma, profumo e gusto eleganti ed esclusivi sono i principi cardine di questo prodotto, venduto anche a un prezzo vantaggioso per chi cerca la qualità senza svuotare il portafogli.

Il colore rosso intenso gode di riflessi granati eccezionali, perfetti per una degustazione elitaria di altissimo livello.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Origine e utilizzo

 

L’origine di questo vitigno è molto comune in tutto il sud della penisola, e ha chiare derivazione dalla Grecia.

Infatti, il suo apprezzamento risale a moltissimi secoli fa, abbinato principalmente con la cacciagione, con la carne rossa e altri piatti e prodotti provenienti dalla terra che riescono ad assorbire ed elevare la tannicità di questa bevanda alcolica come la carne di maiale.

Il suo utilizzo è perciò molto vasto, nonostante non possa essere abbinato facilmente con piatti di pesce e carne bianca.

In ogni caso, l’origine antica ci aiuta a capire la provenienza e le modalità di unione con i cibi tipici della zona degli Aprutzi.

Storia

Per chi non lo sapesse, il vitigno del Montepulciano d’Abruzzo ha origini antichissime: si pensi però che solo nel XVII secolo iniziò a chiamarsi come lo conosciamo oggi.

Il vino rosso rappresenta inoltre una risorsa importantissima di tutta la nostra penisola, perché figlio di una regione che gode di una vastissima identità culturale ed enogastronomica, narrata persino da Polibio e Publio Ovidio Nasone.

Il primo, infatti, narrava le proprietà terapeutiche del Montepulciano d’Abruzzo.

Le sue qualità, a partire dal 1968, sono state registrate e certificate dal DOC, facendolo entrare nell’olimpo dei grandi vini rossi italiani.

 

Mix

Il Montepulciano d’Abruzzo difficilmente si potrà e dovrà mescolare con drinks o altre bevande alcoliche, perché ne comprometterebbero l’assoluta eleganza del gusto e del colore.

Esistono certamente professionisti che amano realizzare unioni fantasiose e pregevoli sul palato, ma se si è principianti o non si hanno gli strumenti e la cultura enogastronomica necessaria, risulterebbe un po’ azzardato.

Noi, infatti, vi suggeriamo di assaporare pienamente il vino rosso in un calice ampio, accompagnato alla carne rossa o con risotti autunnali e invernali.

 

Conservazione

Non tutti conoscono o hanno in mente cosa voglia dire degustare un vino rosso, perciò risulta di fondamentale importanza comprendere come conservare il Montepulciano d’Abruzzo.

Innanzitutto è bene sapere che non si deve assolutamente agitare la bottiglia più di quanto necessario.

In più, è bene tenerla lontana da fonti di luce e di calore, per evitare di rovinare le proprietà organolettiche della bevanda alcolica.

Conservate il Montepulciano d’Abruzzo in una cantina oscura a una temperatura ideale tra 16°C e 18°C.

 

Valore nutrizionale

Il gusto corposo e amabile del Montepulciano d’Abruzzo potrebbe far tralasciare la visione di aspetti fondamentali come i nutrienti contenuti in esso.

Nel caso di questo vino rosso, possiamo senza dubbio dire che un bicchiere contiene ben 70 kcal.

Questo numero non deve però farvi storcere il naso, perché ci sono vini che contengono ben più energia all’organismo.

Ricordiamo infatti che l’energia contenuta è però definita “vuota”, perché non andrà poi impiegata per svolgere le normali attività quotidiane.

Bere responsabilmente

Partiamo da un assunto fondamentale: tutte le bevande alcoliche vanno assunte con parsimonia, quindi senza esagerare, e soprattutto responsabilmente.

Infatti, non è scontato dire che diventa di fondamentale importanza conoscere i propri limiti quando si è fuori a cena e poi si deve anche guidare l’auto o la moto.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI