Come calcolare la gradazione alcolica

Ultimo aggiornamento: 01.12.22

 

L’etanolo, più comunemente noto come alcol etilico, è uno dei composti chimici più utilizzati nella produzione delle bevande alcoliche. Per conoscere la gradazione dei liquori fatti in casa esistono diversi metodi che permettono di calcolare il volume percentuale di alcool presente nella preparazione. In questo articolo scoprirete, quindi, come effettuare queste misurazioni.

 

Grazie ai suoi ampi e diversificati ambiti di impiego, l’alcol etilico rientra tra i solventi industriali più utilizzati per la produzione di una vastissima gamma di prodotti, tra cui combustibili, cosmetici, detergenti e bevande alcoliche.

In particolare, l’alcool a 95 gradi che si ottiene dalla distillazione dello zucchero viene generalmente destinato all’uso alimentare e impiegato come componente principale per la preparazione di numerosi liquori fatti in casa, diluendolo con acqua per raggiungere una determinata gradazione alcolica. Quest’ultima, però, si riduce ulteriormente a seguito dell’aggiunta di altri ingredienti come lo sciroppo di zucchero, le spezie o la frutta, per cui non sempre si rivela facile capire quale sia il grado alcolico approssimativo delle proprie preparazioni casalinghe.

In questo articolo cercheremo di approfondire l’argomento, vagliando i metodi più utilizzati per testare un liquido o una bevanda al fine di determinarne l’esatto contenuto di alcol una volta ottenuto il prodotto finale.

 

Come si misura il titolo alcolometrico

Con il temine “titolo alcolometrico volumico effettivo” si intende il numero di parti in volume di alcol puro a una temperatura di 20°C contenute in cento parti in volume della bevanda alcolica a quella stessa temperatura. Nei prodotti della grande distribuzione questo valore deve essere obbligatoriamente indicato in etichetta in unità o mezze unità di percentuale in volume, con una tolleranza di mezzo punto in più o in meno rispetto a quanto rilevato nei test effettuati prima della messa in vendita.

Per esempio, un liquore che in etichetta presenta un titolo alcolometrico effettivo del 12% può di fatto avere un tenore di alcol compreso tra 11,5 e 12,5% vol, ma in ogni caso le cifre segnalate devono sempre rispettare un’altezza minima, ossia: due millimetri per i contenitori con capacità volumica uguale o inferiore a venti centilitri; tre millimetri per quelli dalla capacità superiore a 20 cl ma inferiore a 100; e cinque millimetri per i recipienti con capacità superiore a cento centilitri.

Se, invece, si vuole calcolare la gradazione alcolica di una bevanda preparata in casa si può ricorrere a due tecniche diverse:

♦ la prima consiste nel misurare il volume dell’alcool per liquori adoperato nella preparazione e quello della bevanda ottenuta. In questo caso, ai fini di una misurazione corretta è fondamentale utilizzare dei cilindri graduati piuttosto precisi, il che la rende poco adatta per le bevande prodotte in quantità superiore a un litro a causa della capacità generalmente ridotta di questi recipienti.

♦ la seconda, invece, consiste nel calcolare il volume sia dell’alcol sia dei vari ingredienti richiesti dalla ricetta. In questo caso, però, bisogna mettere in preventivo un minimo errore di calcolo causato dalla termodinamica delle miscele, tenendo presente che un litro di alcol puro diluito in un litro di acqua non equivale a due litri di liquore. Inoltre, dal momento che la densità degli ingredienti varia in funzione della temperatura, per essere più precisi bisognerebbe effettuare tutte le misurazioni a 20°C.

 

Come calcolare il grado alcolico a partire dal volume del liquore ottenuto

Il procedimento per calcolare il grado massimo di alcol contenuto in una bevanda partendo dal suo volume finale è abbastanza semplice, a patto però di effettuare correttamente le misurazioni prima e dopo la preparazione del liquore, utilizzando dei contenitori graduati affidabili.

Quindi, dopo aver misurato il quantitativo di alcol puro che andrete a mescolare all’acqua zuccherata, dovrete misurare anche il volume della miscela ottenuta al termine del procedimento. A questo punto, moltiplicate il primo valore con la gradazione alcolica dell’alcol impiegato e dividete il risultato per il volume finale del liquore. Per esempio se avete usato 300 ml di alcol con un grado alcolometrico pari al 95% vol ottenendo 1.000 millilitri di liquore, la formula sarà:

Gradazione alcolica: (300 x 95) ÷ 1.000 = 28.500 ÷ 1.000 = 28,50% vol.

A ogni modo per ottenere un risultato ancora più preciso, o se si vuole produrre una bevanda particolarmente forte, in rete ci sono numerosi siti specializzati che permettono di effettuare velocemente il calcolo della gradazione alcolica online.

 

Come calcolare la gradazione alcolica a partire dagli ingredienti

Per ottenere la voluta gradazione alcolica di un liquore preparato in casa tenendo conto degli ingredienti utilizzati per realizzarlo, oltre a misurare il volume finale della bevanda, bisogna considerare anche la densità dell’alcool impiegato e il tipo di procedimento adottato per la preparazione.

A tal proposito, occorre fare una distinzione tra i distillati ottenuti dalla macerazione di uno o più ingredienti nell’alcol (come nel caso del liquore di mirto o del limoncello) e quelli dalla consistenza cremosa che richiedono l’uso di materie prime con densità diverse. In quest’ultimo caso, se il quantitativo da utilizzare è espresso in grammi (si pensi, per esempio, a una tavoletta di cioccolato da sciogliere) sarà necessaria la conversione del valore indicato in millilitri, magari ricorrendo a dei calcolatori che permettono di convertire i grammi in ml online per velocizzare il calcolo finale.

Una volta individuato il volume di tutte le componenti della ricetta, per misurare la gradazione alcolica non vi resta che moltiplicare il volume dell’alcool impiegato per la sua gradazione alcolica e dividere il risultato ottenuto con la somma di tutti i volumi dei singoli ingredienti.

Per esempio, se volessimo calcolare il titolo alcolometrico di un liquore preparato con 500 ml di alcol a 95°, 800 ml di acqua e 500 g di zucchero (pari a 314,5 ml) dovremmo moltiplicare 500 per 90 (ossia il quantitativo di alcol per la sua gradazione), e poi sommare 500 + 800 + 314,5 (cioè le dosi in ml di ogni ingrediente utilizzato).

Fatto questo basterà dividere i due risultati (quindi 47.500 ÷ 1.614,5): per cui 29,4% vol sarà la gradazione alcolica finale del liquore. Ricordiamo, infine, che se si vuole ottenere un grado alcolico specifico, l’Organizzazione Internazionale di metrologia ha stilato una tabella per la diluizione dell’alcool a 95° che si può seguire durante la preparazione del proprio liquore fatto in casa per renderne il sapore più forte o più leggero in base ai gusti e alle preferenze.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

25 COMMENTI

Renato

September 23, 2022 at 9:56 am

Buongiorno
Vorrei sapere se un alcool a 96° messo in infusione con dei mirtilli o altro tipo di frutta , perde come gradazione alcoolica oppure ha sempre 96°. Perche’ ho visto che facendo il calcolo dei gradi in base alle formule trovate , un liquore al prugnolo avrebbe 38°,come un liquore al limoncello , soltanto che all’assaggio ,il prugnolo sembra essere meno forte del limoncello.
Grazie per la risposta

Risposta
ProjectM1

October 11, 2022 at 9:03 pm

Salve Renato,

l’abbassamento della gradazione alcolica non dipende dal tipo di frutta (o altro ingrediente) utilizzato per la realizzazione del liquore, ma dal tempo di macerazione. Riprendendo l’esempio dei mirtilli o del prugnolo (valido anche per le scorze di limone del limoncello), in media con un’infusione di sette giorni si perde fino al 15% dell’alcol usato in principio. Quindi, va da sé che il tenore alcolico resta invariato a prescindere dagli ingredienti impiegati. Poi, ovviamente, tutto dipende anche dalle quantità usate e dal volume dell’alcol stesso.

Saluti

Team MR

Risposta
Andrea

June 6, 2022 at 9:20 am

Buongiorno, per calcolare il grado alcolico di un amaro come la Genziana, come si può fare? Poichè li, si parte da una base di vino bianco e poi vengono aggiunti alcol e zucchero. Grazie in anticipo per una risposta.

Risposta
ProjectM1

June 16, 2022 at 1:24 pm

Salve Andrea,

prova a dare un’occhiata a questa infografica che ti dovrebbe aiutare per effettuare tutti i calcoli del caso: https://www.mangiabevigodi.it/come-calcolare-gradazione-alcolica-liquore/#infografica

Saluti
Team MR

Risposta
Gianluca

March 14, 2022 at 10:49 am

Ciao! Partendo da un liquore al 40%di alcool, come ottengo una bevanda con gradazione 5%?

Risposta
ProjectM1

March 15, 2022 at 3:38 pm

Salve Gianluca,

siccome i parametri di cui tenere conto sono vari, ti invitiamo a scaricare la tabella di Excel che trovi cliccando qui. Una volta aperta potrai inserire i dati che ti interessano, come per esempio la soluzione alcolica di partenza e quella che vuoi ottenere e visualizzare in tempo reale quanta acqua aggiungere, quanto zucchero ecc…

Saluti
Team MR

Risposta
enrico

February 16, 2022 at 4:23 pm

Ciao, grazie ai consigli letti su questa pagina mi è venuta l’idea di creare un programmino facile da usare per fare il calcolo dei miei liquori e ho deciso di condividerlo con tutti, si trova sul mio blog http://mojopepper.blogspot.com/2022/02/calcolo-gradazione-alcolica-di-un.html
spero sia di vostro gradimento 😉

Risposta
Carlo

January 13, 2022 at 1:40 pm

Salve posseggo un alcolimetro con cui misuro la gradazione alcolica di distillati, ho provato ad utilizzarlo per misurare un liquore di genziana prodotto con aromi, alcool, vino e zucchero ed il mio alcolimetro segnava meno di zero quando sarebbe dovuta essere di circa 20/25° è lo zucchero contenuto nel miscuglio che altera la misurazione?

Risposta
ProjectM1

January 18, 2022 at 10:46 am

Salve Carlo,

sì esatto, gli zuccheri disciolti, le impurità e altre sostanze solubili possono alterare la lettura, rendendola una stima piuttosto che una misura fissa. Per questo molti alcolometri non sono adatti per misurare la gradazione alcolica di liquori, birra e vino, risultando più precisi e affidabili con le bevande a basso contenuto di zucchero, come distillati, vini secchi e miscele di acqua e alcol puro.

Saluti

Team MR

Risposta
angela

November 24, 2021 at 7:39 pm

salve, una ricetta di liquore al cioccolato prevede per un litro di liquore:
100ml alcool (95°); 500g di latte intero; 400gr di zucchero; 100gr di cacao amaro.
Se volessi una preparazione analcolica con gradazione pari ad 1,3° come faccio ad ottenere le quantità necessarie?
grazie.

Risposta
ProjectM1

November 29, 2021 at 1:22 pm

Ciao Angela,

il problema è che, anche modificando le quantità degli ingredienti, se utilizzi un alcol a 95° non potrai mai ottenere una preparazione analcolica. A ogni modo, con le dosi indicate nella ricetta, la gradazione che si ottiene è 9,5% vol, mentre dimezzando il quantitativo di alcol (50 ml) e lasciando invariate le dosi degli altri ingredienti (quindi 500 g di latte intero, 400 g di zucchero e 100 g di cacao amaro) il liquore che otterrai avrà una gradazione alcolica di circa 4,75% vol.

Saluti

Team MF

Risposta
Mario

October 30, 2021 at 7:58 am

ho miscelato 324gr di alcoo lal 96° con 176gr di grappa al 40° che gradazione ottengo?

Risposta
ProjectM1

November 2, 2021 at 5:10 pm

Salve Mario,

Ciao Mario,

Nel primo caso, avendo usato 324 g di alcol a 96° per ottenere 500 g di liquore, il calcolo è:
(324 x 96) ÷ 500 = 31.104 ÷ 500 = 62,20% vol.
Nel secondo:
(176 x 40) ÷ 500 = 7.040 ÷ 500 = 14,08% vol.
Quindi, approssimativamente, la gradazione che si ottiene mescolando i due ingredienti sarà di 76,50% vol.

Saluti

Team MF

Risposta
Tiziana

October 13, 2021 at 5:25 pm

Nella birra che ho bevuto ho un grado alcolico di 5,1 per cento .devo calcolare la quantità di alcool in 1000 ml di soluzione alcolica.che procedura di calcolo utilizzo. Grazie
Posso avere i passaggi . grazie

Risposta
ProjectM1

October 19, 2021 at 8:40 am

Ciao Tiziana,

se devi usare, per esempio, 500 ml di alcool a 95% vol per ottenere 1.000 ml di liquore, il calcolo che dovrai fare sarà questo:

Gradazione alcolica = (500 x 95) / 1.000 = 47.500 / 1.000 = 47,5% vol.

Saluti

Team MR

Risposta
Giulio Fabrizi

October 6, 2021 at 7:42 pm

dove trovare la tabella per la diluizione dell’alcool a 95 ?

Risposta
ProjectM1

October 11, 2021 at 9:29 am

Ciao Giulio,
in questa tabella sono indicati i millilitri di acqua (ti ricordiamo che 1 ml corrisponde a 1 g) necessari per diluire 100 ml di alcol etilico di una data gradazione alcolica.
Dunque, incrociando i due valori potrai determinare la quantità di acqua (o altro liquido) da aggiungere a 100 ml di alcol etilico puro al 90% per ottenere la diluizione desiderata.
ESEMPIO: per diluire un alcol a 95° e ottenere un liquore a 50° dovrai aggiungere 90 ml di acqua.

Saluti

Team MF

Risposta
Max

August 18, 2021 at 10:06 am

Buongiorno , usando il latte al posto dell’acqua, per la preparazione ad esempio,della crema di limone , come devo fare il calcolo ?
Grazie

Risposta
ProjectM1

August 19, 2021 at 2:42 pm

Salve Max,

anche se si utilizza il latte al posto dell’acqua il procedimento per calcolare la gradazione alcolica di un liquore resta invariato, ma bisogna comunque considerare una piccola imprecisione dovuta alla diversa densità del latte. Una volta trovato il volume di tutti gli ingredienti, per effettuare il calcolo basta moltiplicare il volume dell’alcol impiegato per la sua gradazione alcolica (in genere sui 95% vol), e dividere il risultato per la somma di tutti i volumi degli ingredienti utilizzati. Per esempio, se hai preparato un liquore con 500 ml di alcol 95°, 800 ml di latte e 500 g di zucchero (equivalenti a 314,5 ml), il calcolo che dovrai fare sarà questo:

(500 x 95) : (500 + 800 + 314,5) = 29,4% vol

Saluti

Team MF

Risposta
Mauro Zanfini

May 4, 2021 at 8:02 pm

Salve. leggevo il vostro articolo , sono appasionato di preparazione liquori per ora fatti in casa e leggevo che la temperaatura ideale per la misurazione alcolica e di 20C.. come mai ?

Risposta
ProjectM1

May 8, 2021 at 6:52 pm

Salve Mauro,

si tratta dello standard ABV scelto dall’Organizzazione Internazionale di Metrologia per una maggiore precisione e facilità di misurazione del titolo alcolometrico volumico di una bevanda. Questo perché a una temperatura di 20°C è possibile stabilire in maniera univoca il numero di parti in volume di alcol presente in un liquido zuccherino fermentato a prescindere dalla quantità e dagli ingredienti del prodotto preso in esame.

Saluti

Team MR

Risposta
Mauro

May 8, 2021 at 7:59 pm

Grazie molte .
E per avere una misurazione più precisa sulla gradazione alcolica del prodotto creato è giusto usare un rifrattometro ?

Risposta
ProjectM1

May 13, 2021 at 3:47 pm

In genere un rifrattometro viene utilizzato per calcolare il grado zuccherino del mosto (di vino, birra e in certi casi anche delle acquavite di frutta) prima della fermentazione. Lo scopo è quello di determinare la quantità di zuccheri fermentabili che verranno potenzialmente convertiti in alcol. Dunque, per avere una misurazione più precisa della gradazione alcolica del liquore fatto in casa è preferibile utilizzare un alcolometro, che è più attendibile nelle rilevazioni e progettato proprio per questo scopo. Se hai bisogno di ulteriori consigli o informazioni non esitare a contattarci.

Saluti

Team MR

Risposta
Mauro

May 13, 2021 at 4:23 pm

Mi potrebbe consigliare l’alcolometro ideale o qualche sito dove comprarlo ? Grazie

Risposta
ProjectM1

May 20, 2021 at 7:40 pm

Salve Mauro,

al momento uno dei migliori alcolometri per rapporto qualità/prezzo è quello proposto da Tefeler. Su Amazon viene venduto in un pratico kit comprensivo di termometro per misurare la temperatura dei liquidi (utile per il discorso che facevamo relativo alla temperatura di 20°C per la misurazione alcolica dei liquori fatti in casa) e un cilindro graduato da 100 ml. Se vuole acquistare solo l’alcolometro, magari per risparmiare qualcosina, un modello altrettanto valido è il Witasm, molto facile da usare e abbastanza preciso nelle rilevazioni, con scarti che al massimo sono compresi in mezzo grado centigrado.

Saluti

Team MR

Risposta