Il miglior nocino

Ultimo aggiornamento: 28.10.20

52

 

 

Le nostre selezioni dei migliori nocini

 

La seguente classifica dei migliori nocini del 2020 è stata realizzata prendendo in esame non solo i prodotti più popolari tra gli utenti ma anche fattori come prezzo e qualità globale. Se non sapete quale nocino comprare, non vi resta altro da fare che dare un’occhiata alle proposte in basso.

 

 

1. Il Mallo liquore nocino 70 cl

 

Tra i prodotti più venduti troviamo quello de Il Mallo. Si tratta di un nocino a prezzi bassi che potrebbe rivelarsi interessante per tutti gli utenti che non hanno un budget elevato e vogliono assaggiare questa bevanda per la prima volta. La confezione è elegante, di colore completamente nero e dalla forma che ricorda quella di una noce. 

L’azienda produttrice è attiva nel modenese e realizza svariate tipologie di nocino, da quello classico qui presentato fino a varianti biologiche. La preparazione prevede l’infusione in alcol dei malli di noce acerbi, secondo tradizione, a cui vengono poi aggiunte spezie e zucchero. 

Può essere sfruttato con successo anche in cucina, per la preparazione di piatti sia dolci sia salati, oppure miscelato per la creazione di cocktail. Secondo i consumatori si tratta di uno dei migliori nocini in vendita sul mercato e, sebbene sia decisamente dolce al palato, non si dimostra stucchevole.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Toschi Nocino Classico 700 ml

 

Sempre in provincia di Modena troviamo la compagnia Toschi, che tra le sue offerte contempla bottiglie da 700 ml di Nocino Classico. Rispettando il disciplinare “Tradizioni e sapori di Modena”, il brand si inserisce perfettamente nella tradizione, rivelandosi una scelta di qualità per chi vuole acquistare un nocino degno di tale nome. 

La ricetta usata è quella della famiglia Toschi che vede l’infuso riposare in botti di rovere per due o cinque anni, in base alla tipologia di nocino che si desidera ottenere: Classico o Riserva.

Secondo gli utenti è un prodotto dall’ottimo rapporto qualità/prezzo sebbene non riesca a reggere il confronto con bottiglie realizzate in modo artigianale da aziende altamente specializzate. In questo caso, però, bisogna anche preparare un budget più elevato, fattore che non tutti i consumatori sono disposti a prendere in considerazione. Si rivela comunque una scelta più che soddisfacente per l’uso in qualità di digestivo a fine pasto, da condividere con amici e parenti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Fratelli Striccoli Padre Peppe Elixir alle noci 750 ml

 

L’elisir alla noci è considerato una vera e propria panacea, per questo la famiglia Striccoli ha deciso di diffondere la ricetta di Padre Peppe, frate cappuccino che visse in Puglia e si dedicò alla produzione di liquori durante la sua vita monastica.

Se effettuiamo una comparazione con gli altri prodotti della nostra lista riscontriamo in questa produzione un’ascendenza concreta, che può essere fatta risalire al prontuario di Padre Giuseppe Ronchi, redatto alla fine del ‘700.

Le noci verdi e immature vengono raccolte e, dopo la lavorazione, conservate per un periodo di quattro anni in botti di rovere. Il liquido acquista così il suo caratteristico color mogano, impregnandosi di note aromatiche di erbe e noci.

Rispetto alla concorrenza non si riscontra un sapore dolciastro ed è molto più incisivo il retrogusto di noci. Gli utenti apprezzano inoltre le sue proprietà digestive pur senza restituire una sensazione di bruciore tipica dei superalcolici.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Dolci Aveja Liquore nocino artigianale abruzzese 200 ml

 

L’azienda realizza offerte tipiche della regione aquilana, spaziando dai dolci fino al nocino artigianale, prodotto con infusione a freddo in alcool proveniente dal territorio. Il Nocino dello Gnomo ha un volume alcolico pari al 38% e vede l’utilizzo della ricetta classica che prevede la raccolta di noci verdi durante la giornata del 24 giugno, per tutti i cattolici il giorno di San Giovanni Battista. 

Contiene inoltre zucchero, alcol, acqua e aromi naturali di frutti abruzzesi che gli conferiscono un sapore leggermente diverso da quello prodotto generalmente in Emilia-Romagna. La confezione si presenta squisitamente elegante, parliamo infatti di una bottiglia da 200 ml dalla forma triangolare, perfetta come idea regalo per festeggiare un evento importante insieme ai propri amici. 

In alternativa è possibile optare per un quantitativo inferiore qualora vogliate risparmiare qualcosa, ovvero la confezione da 100 ml, rinunciando però alla caratteristica bottiglia. Per gli amanti del nocino che non vogliono optare per prodotti industriali si rivela una scelta ottima.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Benvenuti Nocino 34 500 ml

 

Tra i prodotti venduti online troviamo bottiglie stravaganti e che talvolta ricordano gli ingredienti utilizzati per la realizzazione del liquore. È il caso del nocino Benvenuti, la cui confezione ricorda una noce sia per forma sia per colore. Se state cercando un prodotto originale, da regalare magari proprio per l’occasione di San Giovanni Battista, a chi festeggia l’onomastico il 24 giugno, questo potrebbe rivelarsi una gradita sorpresa.

Oltre a una bottiglia interessante, il liquore, prodotto in Emilia-Romagna nella zona di Zola Predosa, ha un sapore piacevole, secondo gli utenti dolce e ideale per essere consumato dopo un pasto come digestivo o per accompagnare dolci e gelati.

Non si rivela una produzione artigianale, quindi non avrete un’esplosione di aromi e sapori in bocca a ogni assaggio, tuttavia, se consideriamo il costo tutto sommato contenuto, si rivela un’opzione interessante per chi ha un budget intermedio o non vuole spendere più di una ventina d’euro.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Lucano Nocino F.lli Vena 0,7 l

 

La casa Lucano, nota produttrice dell’omonimo amaro, ha realizzato un nuovo set di prodotti per festeggiare non solo la molteplicità dei liquori italiani, ma anche per onorare i fratelli Leonardo e Giuseppe Vena che dopo la Seconda Guerra Mondiale si sono dedicati anima e corpo allo sviluppo dell’azienda. 

Tra questi, oltre al liquore alla liquirizia e il mirto, troviamo anche il nocino, prodotto con noci ricoperte dal mallo lasciate a macerare in alcol per quattro mesi. Il risultato riposa poi per altri sei, raggiungendo quelle note tipiche che gli amanti della bevanda ricercano. Può essere usato sia come digestivo, sia per correggere il caffè, conferendo alla bevanda un sapore unico e indimenticabile.

La bottiglia ha un aspetto classico, tuttavia a impreziosirla troviamo l’etichetta verde, con poche scritte e dal design vintage, fattore che potrebbe rivelarsi per alcuni un valore aggiunto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Mare Termale Bolognese Nocino di Zello

 

Secondo i pareri espressi dai consumatori, il nocino in questione è uno dei più aromatici in vendita sul mercato grazie all’uso di piante ed erbe dell’Appennino Tosco-Emiliano che crescono rigogliose nel Villaggio della Salute Più. 

Qualora abbiate passato del tempo all’Oasi Termale di Zello, potrete rivivere i vostri momenti assaggiando questo nocino prodotto con noci della zona raccolte a mano tra il 23 e il 24 giugno, proprio come tradizione vuole, quando si dice rilascino la propria essenza e si sviluppino le proprietà terapeutiche attribuite alla rugiada che si posa su di esse.

Il costo è leggermente più alto rispetto ad altre offerte, tuttavia non eccessivamente proibitivo. Per chi volesse assaggiare un nocino artigianale o fare un regalo gradito a un appassionato, potrebbe prenderlo in considerazione senza alcun ripensamento. Per scoprire dove acquistare una bottiglia di Nocino di Zello non dovete far altro che cliccare sul link sottostante.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Sarandrea Nocino di San Giovanni 50 cl

 

Per chi ha un budget limitato e vuole invece il nocino più economico sul mercato, è possibile optare per la bottiglia proposta dalla Liquoreria Erboristeria Sarandrea, con sede a Collepardo dal 1918.

La produzione rispetta tutti i dettami della ricetta classica, con raccolta di noci ancora acerbe nella notte del 24 giugno e messe a macerare in alcol. Successivamente il prodotto subisce una seconda stagionatura fino a raggiungere il giusto equilibrio. Al sapore si sprigionano note aggiuntive date dalle spezie incluse nell’infusione come cannella, noce moscata e chiodi di garofano.

Tutto il procedimento, che va dal raccolto alla macerazione, filtraggio e stoccaggio, è realizzato in modo artigianale, senza l’aiuto di alcun attrezzo metallico, per garantire la massima attenzione e offrire un prodotto finale degno di nota, da consumare in convivialità durante eventi importanti o semplicemente dopo un pasto luculliano. L’unico elemento un po’ meno convincente è rappresentato dalla bottiglia, che non ha alcuna caratteristica particolare o degna di nota.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

9. Giovanni Poli Santa Massenza Liquore Nocino e Genziana

 

La distilleria trentina è leader nel settore per la produzione di grappa, tuttavia la sua offerta è estesa anche ad altri liquori della tradizione italiana, tra cui proprio il liquore di nocino. Gli ingredienti principali, ovvero noci verdi, sono raccolte a giugno nella zona di Santa Massenza e del Bleggio, sono poi messe a macerare in grappa della casa per 90 giorni. 

In seguito a questo periodo iniziale, il tutto viene poi trasferito, per affinare il liquore, in botti di rovere, dove riposa per un periodo più lungo. Poiché rispetto alla ricetta originale, però, prevede anche l’uso di erbe come la genziana, potrebbe non essere la scelta migliore per chi vuole qualcosa di estremamente classico, evitando l’aggiunta di aromi e sapori che alterano, seppur minimamente, il risultato finale. 

Anche la gradazione alcolica è di molto inferiore, parliamo infatti di 28°, un prodotto dunque leggero per accompagnare dolci più che per essere usato come digestivo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

10. Officine Gastronomiche Spadoni Nocino Magnum 

 

Il nocino Spadoni, dell’azienda omonima, è un prodotto che rispecchia l’eccellenza italiana nella creazione di questa bevanda, aggiudicandosi il premio Dino Villani conferito dall’Accademia Italiana della Cucina. Il prezzo, sebbene non sia uno dei più bassi, è comunque da considerarsi su una quantità di prodotto mediamente superiore rispetto alla concorrenza, il doppio in alcuni casi dal momento che parliamo di 1,5 litri. 

Può rivelarsi dunque un’ottima scelta se consumate il liquore abitualmente o se siete in procinto di organizzare una cena con molti invitati. Potrete così deliziarli a fine pasto con un buon bicchiere di nocino che faciliti la digestione.

Secondo gli acquirenti il sapore è soddisfacente anche se potrebbe non essere nelle corde degli appassionati del liquore poiché poco incisivo. Se volete sapere dove acquistare la bottiglia delle Officine Gastronomiche Spadoni, vi basta cliccare sul link in basso.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Origine e uso

 

Storia

L’origine di questo particolare liquore si perde nella notte dei tempi e oggigiorno sono molte le leggende che narrano della sua creazione. Secondo fonti romane, sembra che originariamente il nocino fosse preparato dal popolo britannico dei Picti, sebbene in una variante ancor primitiva e poco raffinata che prevedeva l’uso di miele, noci e frutta fermentati.

Successivamente tale composto fu in uso anche presso i francesi, più propriamente come liquore di mallo. Non si può escludere quindi una nascita simultanea o quasi in gran parte dell’Europa. Anche sul suolo italiano abbiamo un comune che fa del nocino il suo prodotto tradizionale, parliamo del paese Noceto, in provincia di Modena.

Per la realizzazione del liquore si raccolgono le noci tra il 23 e il 24 giugno, giorno in cui, secondo la religione cattolica, si celebra San Giovanni Battista, che avrebbe un’influenza positiva sul raccolto. Le noci acerbe sono poi tagliate e posizionate in infusione con alcol e talvolta anche aromi e spezie particolari per un periodo variabile che si aggira intorno ai 60 giorni.

Sebbene dunque possa essere realizzato in casa da esperti e appassionati, esistono numerosi produttori, artigianali e non, che producono bottiglie di nocino di elevata qualità, spesso provenienti proprio dal territorio italiano e che potete trovare in commercio. Se non sapete come scegliere un buon nocino, quindi, vi rimandiamo alle nostre recensioni che potete trovare più in alto.

Mix

Il miglior nocino è sempre quello bevuto liscio, che permette di apprezzare tutte le caratteristiche uniche del liquore al mallo di noce, tuttavia ciò non vuol dire che non sia possibile realizzare dei cocktail stravaganti per reinventare la bevanda e renderla più popolare.

Le ricette sono poche ma decisamente interessanti, come quella del cocktail “Nocino”, che prevede l’aggiunta di liquore sassolini, martini dry, brandy e qualche goccia di angostura. I liquori molto invecchiati sono uno dei capisaldi della mescita con nocino, poiché anche il cocktail “Maranello” presenta aggiunta di bourbon, sherry brandy, succo di limone e una piccola percentuale di nocino, versando il tutto in un bicchiere da cocktail da decorare con una fetta d’arancia.

Per qualcosa di più casalingo ma dal grande apporto energetico, è possibile realizzare una sorta di long drink con latte fresco, un po’ di panna, un tuorlo d’uovo e noci tritate. Al termine è possibile aggiungere liquore nocino a piacimento, cercando di evitare quantità eccessive se si beve questa bomba energetica al mattino.

 

Conservazione

Il nocino deve essere conservato sempre in un luogo fresco, asciutto e non esposto alla luce solare diretta. Come per tutti gli altri liquori, infatti, i raggi ultravioletti alterano il sapore nel tempo, potrete dunque posizionare la bottiglia, rigorosamente in posizione verticale, in un armadio o anche all’interno di una vetrinetta a patto che non sia illuminata dal sole durante la giornata. 

Non è un prodotto che si consuma ghiacciato, pertanto non va assolutamente posizionato in congelatore, nemmeno per qualche minuto, può invece sostare in cantina, poiché è un luogo sufficientemente riparato e fresco.

 

Valore nutrizionale

Come molti altri liquori sul mercato, anche il nocino non è ricco di sostanze particolarmente utili all’organismo. Presenta inoltre una gran quantità di zuccheri e carboidrati che, se consumati in eccesso, possono rappresentare un problema. Per 100 grammi di prodotto, l’apporto energetico è di 251 kcal, decisamente elevato, pertanto è consigliato bere solo piccoli bicchieri e non eccedere la dose di circa 30 ml.

Bere responsabilmente

Per quanto buono e piacevole da bere, resta pur sempre un superalcolico. La sua dolcezza e il suo sapore amabile non fanno altro che rendere molto più difficile capire quando è il caso di fermarsi. Se dovete mettervi al volante sarebbe il caso di evitare un consumo smodato e lasciare che a guidare sia un amico o un partner che decide volontariamente di restare sobrio.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments