Courvoisier Vs – Recensione

Ultimo aggiornamento: 25.05.22

 

Principale vantaggio

Quella di Courvoisier è una proposta molto particolare: gentile al palato e allo stesso tempo corposo, ma anche ricercato e speciale. Ciò significa che, assaporando questa soluzione Vs, ossia Very Special, potrete godere un superalcolico molto particolare ed elegante.

 

Principale svantaggio

Nonostante sia indicato anche dall’azienda produttrice, questo prodotto non è caratterizzato da un astuccio elegante, perciò non può essere considerato come il regalo perfetto da fare a quanti amano il cognac.

 

Verdetto: 9.8/10

Questa bottiglia di cognac è una delle migliori che possiate trovare su Internet, nonché una delle più apprezzate dai consumatori di prodotti provenienti da questa distilleria.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Aspetto generale

Il cognac Courvoisier si presenta all’interno di una bottiglia in vetro chiusa tramite un tappo resistente e pratico. Sulla parte anteriore è ben visibile il nome del marchio, realizzato con un design ricercato che lascia intendere l’elemento premium di questo distillato. Il colore oro e porpora sottolineano ulteriormente il prestigio elevato che l’azienda produttrice desidera trasmettere visivamente.

Considerando che si tratta di un prodotto dal prezzo conveniente, questa proposta Courvoisier potrebbe rappresentare un ottimo regalo da fare ad amici e parenti. Tuttavia, ciò non può essere possibile, perché è venduto in una semplice scatola di cartone, senza un astuccio ricercato o comunque degno.

Dovrete perciò abbellirla o allegare un biglietto prima di porgerlo in dono a chi amate, in occasione di un evento speciale. In ogni caso, la bottiglia è da 70 cl, particolarmente ricca e perciò adatta anche per durare a lungo. Ecco quindi una panoramica generale di questo cognac, prima di scendere nei particolari attraverso la lettura dei prossimi paragrafi.

Mescita

Avete presente la prima cosa che risalta subito all’occhio, o meglio al palato, quando si assaggia un cognac di qualità? Ebbene, sicuramente sono le note di un bouquet aromatico di eccellenza, che, come vedremo successivamente, non si spreca in questo caso.

Ma chi vuole assaggiare quello che potrebbe apparire come un nuovo distillato, perché si è stancato di gin, vodka o di altri superalcolici, può senza ombra di dubbio interessarsi a questa proposta Courvoisier. Infatti, il discorso da fare in questo caso è leggermente differente rispetto la maggior parte delle soluzioni.

Non a caso, la mescita di questo cognac può essere molto variegata: potrete assaporarlo sia liscio, sia on the rocks, senza dimenticare di impiegarlo per la base di cocktail da paura.

Il motivo è che si tratta di un distillato corposo, denso, pastoso e al tempo stesso anche particolarmente fresco. Si presta facilmente a quasi ogni tipo di palato, perciò non viene disdegnato a tavola, a fine pasto o come accompagnamento di un dolce gelato.

 

Bouquet aromatico

Giungiamo ora alla parte che più interessa quanti amano degustare il cognac o altri tipi di superalcolici simili. Stiamo parlando dell’analisi del suo bouquet aromatico, che si apre fin da subito appena il distillato raggiunge il palato.

Le prime note che subentrano senza indugio sono quelle di frutta fresca e di fiori primaverili.

Per questo motivo, il cognac Courvoisier Vs, come anticipato precedentemente, si presta in maniera tranquilla all’unione con altri ingredienti. Un esempio può essere il cocktail Alexander, che è particolarmente amato dai giovani perché incisivo.

A differenza di altri cognac molto simili a questo, la proposta Courvoisier è molto particolare, oltre al fatto che vanta un colore ambrato scuro suggestivo e indimenticabile. Il metodo di preparazione lo affronteremo nel prossimo paragrafo, ma vogliamo dirvi comunque che il risultato finale che scaturisce completa il sapore ricco e pastoso tipico di un distillato del genere. Insomma, durante la degustazione si può godere di un mélange primaverile, fresco e armonioso, che sarà difficile da dimenticare.

 

Invecchiamento e preparazione

Per i veri intenditori possiamo senz’altro specificare che c’è un motivo se questo cognac è apprezzato in tutto il mondo. Il motivo è sicuramente il taglio proveniente dai crus Fins Bois e Petite Champagne, che viene invecchiato almeno quattro anni. Esistono prodotti del genere, presenti nel catalogo della distilleria, che raggiungono fino a sette anni di invecchiamento.

Questi ultimi sono sicuramente più ricercati e particolari, ma in genere anche quelli più relativamente giovani godono di un gusto fruttato e delicato, e di un aroma di frutti maturi e fiori primaverili.

Insomma, possiamo definirlo senza troppo indugio come un prodotto di eccellenza, che vale la pena di acquistare e di servire ai propri commensali. Ideale anche per accompagnare i pensieri durante momenti di puro relax, la sera dopo il lavoro. Infatti, l’azienda produttrice tiene particolarmente a diventare quasi migliore amica dei propri clienti, narrando una storia dei vitigni che rimane ben impressa nella memoria.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI