Le 6 migliori birre inglesi

Ultimo aggiornamento: 16.09.21

 

Le birre inglesi sono famose in tutto il mondo, tuttavia potreste dire di avere una profonda conoscenza di tutte le tipologie di birra del Regno Unito? Nel nostro articolo trovate le sei migliori, analizzate appositamente per voi.

 

Vi trovate nel Regno Unito per un viaggio o volete semplicemente assaggiare una birra inglese tipica del territorio? Eccovi una lista dei migliori prodotti che potete trovare oltre la Manica.

 

Birra Ale

Se in tutto il mondo le birre più amate e bevute sono le Stout e Lager, nel Regno Unito troviamo al primo posto per consumo le Ale, ovvero quelle ad alta fermentazione. La storia di questa bevanda è molto antica e vede il suo consumo già in epoca medievale quando si pensava che consumare birra fosse molto più sicuro rispetto al bere acqua che, in quei secoli turbolenti, poteva essere effettivamente più contaminata.

Cosa significa birra ad alta fermentazione? Questa caratteristica prevede l’aggiunta di lieviti saccharomyces cerevisiae nel mosto, cosa che porta a una fermentazione più rapida ma a temperatura ambiente, generalmente tra i 12 e i 23 gradi centigradi. Il risultato è una birra molto aromatica che ha un retrogusto lievemente fruttato. A volte questi prodotti, conservati nei fusti, vanno incontro a una seconda fermentazione e migliorano il proprio sapore nel tempo anche in attesa di essere servite nei pub inglesi.

Pale Ale

Birra inglese dal colore chiaro, rientra nelle Ale ma lo spettro di colori e aromi è talmente ampio da non permettere una chiara e immediata identificazione. Furono chiamate così a partire dal 1703, differenziandosi poi in Amber Ale, American Pale Ale, Irish Red Ale, Burton Pale Ale e la famosa IPA inglese, ovvero Indian Pale Ale.

La birra IPA, sempre ad alta fermentazione, ha un colore giallo tendente all’ambrato con una schiuma molto compatta e un gusto leggermente amaro. Questa bevanda nasce durante il colonialismo britannico, quando la birra veniva trasportata in India per il consumo locale. Il lungo viaggio era però complicato e spesso le birre, al termine dello stesso, erano imbevibili. Per evitare il naturale deperimento, si pensò di aggiungere quantità più elevate di luppolo: nacque così per esigenza più che per ricerca di un gusto raffinato, la birra IPA.

Tra quelle artigianali spicca la Bass Pale Ale, prodotta fin dal 1777 a Burton on Trent, il prodotto si presenta con un colore rosso intenso mentre all’assaggio rivela sia note amare sia dolci, sapientemente miscelate per accompagnare al meglio carni di tutti i tipi.

 

Brown Ale

Come suggerisce il nome, è un tipo di birra scura che deve la sua colorazione a una maggiore tostatura del malto. Difficile da trovare al di fuori del Regno Unito poiché oggigiorno meno diffuse, le birre inglesi facenti parte di questa categoria hanno un sapore che ricorda quello del caramello e delle nocciole, con varietà dolci nel sud del paese. Se siete alla ricerca di una birra non amara, potrete optare per le Brown Ale facendo attenzione a non acquistare varianti statunitensi che si rivelano molto più aspre e agrumate a causa della presenza di luppoli del Nord America.

Porter

Proprio come la Stout, la Porter è una birra scura inglese che si differenzia però per quanto concerne il profilo aromatico. La Porter nasce intorno al 1700 e deve il suo nome ai “porters”, ovvero gli addetti alle operazioni portuali. Si tratta di un tipo di birra più forte, dalla gradazione alcolica che arriva anche a 7 gradi mentre per quanto concerne il sapore troviamo note che oscillano tra cioccolato e caffè, con aggiunta di aromi speziati. 

Come molte altre birre qui analizzate, la variante inglese è quella dolce e leggermente affumicata mentre le Porter provenienti da altre zone del mondo, come quelle del Nord America o dell’europa settentrionale si differenziano rispettivamente per una minore o maggiore dolcezza. Per una Porter di carattere consigliamo la Fuller’s London Porter, scura ma con venature color ambra, dal grado alcolico non eccessivamente elevato e aromi che spaziano tra caffè tostato e caramello.

 

Lager

Meno diffuse rispetto alle altre ma comunque decisamente apprezzate anche nel Regno Unite. Le Lager nascono in Germania e sono birre a bassa fermentazione, ovvero nel processo si aggiungono lieviti come il saccharomyces carlsbergensis che si depositano sul fondo del recipiente (a differenza dei lieviti ad alta fermentazione che invece salgono verso l’alto). I produttori inglesi di Lager sono gruppi internazionali ed è facile trovare i loro prodotti anche al di fuori del Regno Unito, parliamo di grandi colossi come Carling e Foster’s. Se preferite qualcosa di più tradizionale, non potete sbagliare con la prossima tipologia, le immancabili Stout.

Stout

Birre scure ad alta fermentazione, proprio come piace agli inglesi, che al loro interno hanno una quantità variabile di malto d’orzo tostato. Come le Porter hanno profili aromatici che spaziano dal cioccolato al caffè, con qualche lieve nota di liquirizia, tuttavia le differenze tra varie tipologie di Stout sono notevoli. Abbiamo per esempio le Dry Stout irlandesi, che si avvicinano di più al caffè, le Imperial Stout si differenziano per un alto contenuto alcolico mentre le Oyster Stout sono state create per accompagnare le ostriche. Questa ampia gamma di birre merita attenzione anche se sottolineiamo che non si tratta di una bevanda per tutti, almeno non come potrebbero esserlo le classiche Ale. Lo stesso nome “Stout” stava a indicare un prodotto fiero e forte, per i palati che vogliono sapori decisi.

Queste sono le sei tipologie di birre inglesi migliori e vi consigliamo di provarle tutte, almeno una volta, per poter capire quale possa essere quella più in linea con i vostri gusti. Il consumo di alcool comporta comunque rischi, sia a lungo sia a breve termine. Come sempre quindi invitiamo i lettori a non esagerare e bere responsabilmente. Mettersi al volante dopo una o più pinte di birre potrebbe non essere la più brillante delle idee, rischiereste di mettere a rischio non solo la vostra vita ma anche quella di chi vi sta intorno.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI