Gli 8 migliori decanter del 2020

Ultimo aggiornamento: 05.12.20

21

 

Decanter – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Questa tipologia di prodotti è divenuta molto popolare nel tempo ed è quasi normale trovarne uno in ogni casa. Il loro scopo principale è quello di aerare il vino, generalmente quello rosso. Se siete alla ricerca di un decanter per una cena elegante o anche semplicemente per arredare la tavola o la cucina con un oggetto elegante, potete dare un’occhiata ai prodotti più interessanti della nostra classifica, come Smaier Decanter vino 1200 ml, dal design originale e ottimo anche come idea regalo, oppure Todeco Decanter per Vino, dal prezzo contenuto e perfetto per filtrare anche eventuali sedimenti della bottiglia.

 

 

 

 

Gli 8 migliori decanter – Classifica 2020

 

Se avete dato un’occhiata alle offerte sul mercato ma siete ancora indecisi su quale decanter comprare, non vi resta altro da fare che dare un’occhiata alle nostre recensioni che potete trovare qui in basso. Abbiamo effettuato una selezione tenendo conto del grado di soddisfazione dei consumatori, creando così una classifica dei migliori decanter del 2020 appositamente per voi.

 

 

1. Smaier Decanter vino 1200 ml set da regalo

 

Iniziamo subito la nostra lista con un prodotto in vetro soffiato, privo di piombo e soprattutto con una forma insolita, che potrebbe ricordare, con un po’ di immaginazione, un cigno. La capienza è di 1.200 ml, è in grado dunque di ospitare tutto il contenuto della bottiglia di vino senza rendere però al contempo difficile la mescita poiché la zona più spessa è facile da tenere in mano, facendo fuoriuscire il vino dal beccuccio più sottile che ha invece una forma inclinata. 

Rispetto ad altri decanter è sicuramente molto elegante da portare in tavola, per rendere le cene tra amici e parenti molto più sofisticate. Si rivela un’ottima idea regalo per gli amanti della bevanda anche se alcuni utenti sottolineano che il vetro può rivelarsi eccessivamente fragile, soprattutto la zona del beccuccio da cui fuoriesce il vino. Pertanto sarebbe meglio evitare di posizionarlo in lavastoviglie e pulirlo con molta cautela, a mano, dopo ogni utilizzo.

 

Pro

Design: La forma intrigante e diversa da ciò che ci si aspetterebbe, riesce a rendere questo decanter molto apprezzato dai consumatori.

Vino: La capienza è notevole, parliamo infatti di 1.200 ml, in grado dunque di ospitare una bottiglia di vino per intero, permettendo così di aerare la bevanda.

Costo: Pur non essendo particolarmente basso, è comunque inferiore a molte altre offerte sul mercato, soprattutto se consideriamo la sua particolare forma.

 

Contro

Fragile: Il vetro è molto sottile ed è dunque sconsigliato lavarlo in lavastoviglie, prestando anche la massima cautela quando lo si maneggia.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Todeco Decanter per Vino pacco regalo

 

A seguire abbiamo il decanter Todeco, dalle dimensioni più contenute e in grado quindi di ospitare una quantità di vino ridotta rispetto ad altri prodotti. La parte superiore, dove viene versata la bevanda, presenta un filtro, che trattiene eventuali sedimenti provenienti dalla bottiglia, mentre quella inferiore è costituita dall’aeratore vero e proprio, con camera d’aria che lo decanta prima di riempire il bicchiere sottostante.

Per evitare di passare il decanter di mano in mano è possibile acquistare anche delle varianti che includono un supporto, con spazio sufficiente per inserire un calice nella zona sottostante. Si tratta di un prodotto decisamente originale che potrebbe rivelarsi interessante per chi non vuole un classico decanter ma preferisce puntare a qualcosa di innovativo. 

Il prezzo, inoltre, è senz’altro contenuto e potrebbe rivelarsi il fattore decisivo per la scelta del prodotto Todeco. I consumatori che preferiscono il vetro, però, potrebbero non gradire la composizione completamente plastica dello strumento in questione.

 

Pro

Resistente: Facile da lavare e in grado di far fronte alla naturale usura, data dall’uso nel tempo, grazie alla sua composizione completamente plastica.

Prezzo: Il costo contenuto è un fattore che i consumatori apprezzano sempre, soprattutto se complementa un prodotto di qualità.

Elegante: A tavola riesce a fare la sua bella figura anche se non si tratta di un decanter dallo stile classico. Perfetto dunque anche come idea regalo per amici e parenti appassionati di vino.

 

Contro

Materiali: Se volete un decanter completamente in vetro, quello Todeco potrebbe non essere adatto a voi poiché è tutto in plastica.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Dragonn Luxury Wine Decanter

 

Non poteva mancare però nella nostra classifica un decanter più classico, dalla forma standard, ovvero più largo nella parte inferiore e con un collo lungo e leggermente svasato nella parte superiore. Il Luxury Wine Decanter di Dragonn è realizzato in vetro soffiato a mano, con una capienza di 750 ml, in grado di ospitare dunque un’intera bottiglia di vino.

La parte del beccuccio è anche leggermente inclinata, per facilitare la mescita del vino ed evitare gocciolamenti indesiderati che potrebbero macchiare la tovaglia. Nel set è incluso anche un tappo in sughero, per proteggere la caraffa dalla polvere quando non è in uso, e perle in acciaio inox da inserire in fase di lavaggio, per rimuovere eventuali macchie difficili da raggiungere data la forma peculiare dell’oggetto.

Non sono stati riscontrati difetti salienti nel decanter, tuttavia, come tutti i prodotti in vetro, può rivelarsi molto fragile e deve essere necessariamente lavato a mano.

 

Pro

Standard: Essendo un decanter classico, ha un design ormai consolidato, in grado di areare al meglio il vino.

Vetro: Perfetto per gli utenti che non amano troppo la plastica, ormai onnipresente nella maggior parte dei prodotti in vendita sul mercato.

Accessori: Nella confezione sono presenti anche un tappo di sughero per sigillare il decanter e proteggerlo dalla polvere e sfere in acciaio inox per rimuovere le macchie.

 

Contro

Costo: Il prezzo è tra i più elevati della nostra lista, pertanto dovrebbe essere preso in considerazione solo da chi vuole fare un regalo o veri appassionati della bevanda.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Cristalex Bohemia caraffa decanter 1,5 l

 

La caraffa di Cristalex è uno dei prodotti più venduti della nostra classifica e questo risultato è da ricondurre principalmente al basso costo a cui è possibile reperirla. I consumatori alla ricerca di uno strumento semplice e tradizionale, senza troppi fronzoli e velleità artistiche, potrà affidarsi a questo decanter in vetro di Boemia, robusto e funzionale per l’aerazione dei vini rossi.

Secondo i pareri di chi ha avuto modo di provarlo l’unico neo è relativo alla pulizia, un problema però comune a tutti i decanter poiché è molto difficile raggiungere la parte interna adeguatamente.

Come idea regalo lascia un po’ a desiderare poiché la confezione non è particolarmente curata, se volete sorprendere amici e parenti amanti della bevanda sarebbe il caso di valutare un lieve aumento di budget e puntare su qualcosa di più elegante. Buona comunque la capacità di 1,5 litri, superiore a quella dei classici decanter da 750 ml.

 

Pro

Prezzi bassi: Se volete spendere poco, il prodotto Cristalex fa esattamente al caso vostro, rivelandosi proprio per questo fattore una scelta estremamente popolare.

Vetro: Quello utilizzato per la realizzazione del decanter è di Boemia, di natura decorativa e storicamente legato al territorio omonima della Repubblica Ceca.

Capienza: Può ospitare fino a 1,5 litri di vino rosso, potrete quindi far aerare ben due bottiglie allo stesso tempo per soddisfare la sete di numerosi ospiti.

 

Contro

Presentazione: La confezione non è particolarmente curata e non si rivela dunque un’idea regalo raffinata o di classe.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Cooko Decanter di vino con coperchio 1500 ml

 

Il prodotto Cooko unisce il classico al nuovo, ovvero un decanter dalla forma standard ma che presenta un tappo con versatore interno a cascata, in grado di aumentare l’aerazione della bevanda diffondendola su tutto il corpo del vetro. 

La capienza è di 1.500 ml, più che sufficiente in caso abbiate molti ospiti a cena, inoltre grazie al versatore a cascata non dovrete necessariamente lasciar ossigenare il vino molte ore prima ma potrete versarlo al volo e attendere solo pochi minuti per ottenere risultati simili. Il tappo è compatibile anche con altri decanter che abbiano la bocca dello stesso diametro.

Il costo è un po’ più elevato rispetto ad altri prodotti e quindi potrebbe non essere preso in considerazione dagli utenti che hanno un budget limitato. Inoltre, a frenare l’entusiasmo vi è anche una confezione non curata, dettaglio sicuramente marginale ma che, per chi vuole fare un regalo, potrebbe rivelarsi essenziale.

 

Pro

Tappo: All’interno è presente un versatore a cascata che permette di ossigenare al meglio il vino nella metà del tempo rispetto a un decanter classico.

Resistente: Il vetro è sufficientemente spesso e si rivela dunque adeguato al consumo quotidiano senza il rischio di vederlo andare in frantumi.

Design: L’effetto del vino versato che aderisce alle pareti interne del decanter gli dà un pizzico di stile in più rispetto ad altri prodotti.

 

Contro

Confezione: Non adatta per chi vuole fare un regalo poiché molto anonima. Considerato il costo ci si sarebbe aspettato qualcosa di più curato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. H&H Brocca decanter Ambiente 1,5 l

 

Se i prodotti analizzati finora non vi hanno convinto, soprattutto a causa dei prezzi non esattamente entusiasmanti, allora la Brocca decanter di H&H potrebbe essere la più adeguata. Si tratta infatti del prodotto più economico della nostra lista, adatto a tutti i consumatori con budget limitato o che hanno bisogno di questo strumento solo occasionalmente, poiché non particolarmente appassionati di vino o magari per saltuarie cene con amici o parenti.

Il prezzo, però, è strettamente correlato alla qualità globale del prodotto che se può apparire come un tradizionalissimo decanter, è costituito da un vetro molto sottile e di conseguenza si presenta relativamente fragile.

In fase di lavaggio, da eseguire assolutamente a mano, bisogna quindi prestare molta attenzione per evitare di scheggiare il prodotto. È sconsigliato come idea regalo non solo per questa sua poca affidabilità ma soprattutto per la confezione anonima e priva di carattere.

 

Pro

Costo: Il prezzo è il più basso della nostra lista. Se volete spendere il meno possibile non troverete nulla di più economico.

Capienza: Può contenere 1,5 litri di vino, l’equivalente di due bottiglie circa, ideale per far fronte a cene o pranzi con un numero di commensali elevato.

Tradizionale: La forma è la più classica, con bocca svasata per rendere più semplice la mescita e permettere all’aria di entrare al meglio.

 

Contro

Fragile: Per tenere il prezzo basso è necessario tagliare sui materiali, pertanto anche se il vetro è di qualità è molto sottile e quindi poco resistente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. VinoYes set Decanter per whisky

 

Non esistono solo decanter per vino ma tra i più venduti online abbiamo anche quelli per alcolici come il whisky. È il caso del set di VinoYes, dal design estremamente accattivante e che vi permetterà di fare un figurone con i vostri amici, soprattutto se avete intenzione di regalarlo a un appassionato della bevanda. 

Il decanter ha una capienza di 850 ml ed è realizzato in vetro borosilicato dalla forma sferica, tanto da ricordare un’ampolla medievale. Questa è sostenuta come se fosse un mappamondo da uno stand in legno fatto a mano. Ad accompagnare il prodotto abbiamo anche due bicchieri per whisky con una mappa incisa sul vetro, che vanno a impreziosire ulteriormente il set.

Può essere sfruttato per far decantare non solo il whisky ma anche altri distillati come lo scotch, il cognac, il rum o persino il vino rosso. Si rivela una scelta di classe in grado di arredare il vostro appartamento,

 

Pro

Design: Uno stile unico e soddisfacente che ha convinto la maggior parte dei consumatori alla ricerca di un prodotto che riesca anche a fungere da elemento d’arredo.

Set: Nella confezione troverete anche due bicchieri da whisky, egualmente curati dal punto di vista della presentazione.

Materiali: Di qualità elevata e molto resistenti. Lo stand in legno, per esempio, è completamente realizzato a mano.

 

Contro

Prezzo: Il costo è tra i più elevati della nostra lista, tuttavia bisogna prendere in considerazione l’elevata cura per la presentazione, difficile da riscontrare in altri prodotti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Centellino decanter Areadivino 125 ml

 

Se effettuiamo una comparazione con gli altri decanter analizzati, notiamo subito una differenza sostanziale: la capienza. Parliamo infatti di un prodotto in grado di ospitare solo 125 ml di bevanda, tuttavia il motivo è molto semplice, si tratta in realtà di un dosatore in vetro soffiato che si posiziona al posto del tappo della bottiglia. 

Quando si versa il vino, questo si sposta nell’area preposta all’ossigenazione, preparando un solo calice alla volta. Il centellino è uno strumento noto fin dall’antichità e per mantenere questa tradizione secolare viene ancora oggi realizzato a mano da artigiani del vetro.

Per scoprire dove acquistare questo strumento da sommelier potete cliccare sul link sottostante che vi riporterà immediatamente alla pagina del venditore. Non è un decanter adatto a chi vuole spendere poco ma solo per veri appassionati di vino alla ricerca di un prodotto professionale e di classe.

 

Pro

Idea regalo: Se non volete regalare il classico decanter, che ormai è davvero molto abusato e scontato, il Centellino potrebbe fare al caso vostro.

Realizzato a mano: Prodotto da artigiani in vetro soffiato, con cura estrema e attenzione ai dettagli. Molto resistente e duraturo.

Design: Elegante e d’effetto, ideale per chi vuole organizzare una cena romantica senza avere l’ingombro di un decanter di dimensioni classiche.

 

Contro

Feste: Non è adatto per cene o altri eventi mondani con molti commensali poiché è in grado di aerare un solo bicchiere alla volta.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere un buon decanter

 

Questa tipologia di prodotti è pensata per gli amanti del vino che vogliono esaltare la degustazione della bevanda lasciandola aerare. Generalmente sono i rossi a necessitare di questa accortezza, per far sì che sprigionino tutto il bouquet di aromi. Se non sapete però come scegliere un buon decanter tra quelli attualmente in vendita sul mercato, potete mettervi comodi e leggere i nostri consigli e, al termine del paragrafo, saprete esattamente quali sono le caratteristiche fondamentali da prendere in considerazione.

Tipologie

La prima cosa che attirerà la vostra attenzione sono le forme che i decanter hanno. Iniziamo dunque da quella standard, panciuta nella parte inferiore e dal collo stretto che tende a svasarsi verso la bocca. Questa tipologia di decanter è quella più comune, dal costo contenuto e ideale per trattenere i sedimenti, evitando così che vengano versati nel bicchiere. 

Ne esistono però diverse varianti e non tutti i decanter standard sono uguali, magari qualcuno è un po’ più piccolo o con una pancia meno pronunciata mentre altri hanno un collo più sottile e meno svasato, tuttavia se state cercando qualcosa di classico per un regalo o anche per abbellire il centrotavola, potrebbe essere la scelta migliore.

A seguire troviamo poi quelli che ricordano un cigno, con due beccucci superiori: uno più sottile dal quale esce il vino, l’altro più ampio per versarlo all’interno e fungere al contempo anche da manico per la mescita. Un oggetto di design in grado di impreziosire qualsiasi appartamento.

Sempre restando nel mondo animale abbiamo i decanter che ricordano un’anatra, dalla forma bizzarra e con una bocca molto svasata e un restringimento maggiore, rispetto agli altri prodotti, nella zona che divide la parte superiore da quella inferiore, in modo da bloccare al meglio eventuali sedimenti.

Infine abbiamo i veri e propri aeratori, dei dispositivi dalla forma interna realizzata appositamente per far sì che il vino, scendendo in una sorta di camera d’aria, venga ossigenato velocemente e versato automaticamente nel bicchiere. Questa categoria è per gli utenti che non hanno tempo di lasciare ossidare il vino per un paio d’ore prima di consumarlo e garantisce risultati rapidi.

 

Materiali

Un buon decanter deve essere realizzato completamente in vetro. Si può fare un’eccezione, in realtà, solo quando si parla di aeratori, generalmente in plastica o, più raramente, con qualche inserto in vetro. Per effettuare una scelta consapevole bisogna tener conto del fatto che, spendendo poco, ci si ritroverà con del vetro di bassa qualità o eccessivamente sottile. Se possibile, è importante aumentare il proprio budget nella soglia minima, superiore alla ventina d’euro, per avere la sicurezza di portarsi a casa un decanter che non si rompa dopo pochi utilizzi.

 

Pulizia

Il fatto che i decanter abbiano un collo sottile prima di accedere alla zona che contiene il vino, rende molto difficile la loro corretta detersione. È altamente sconsigliato usare la lavastoviglie per la loro natura delicata, pertanto dopo l’utilizzo o se hanno accumulato un po’ di polvere, bisogna pulirli adeguatamente. Per farlo esistono diversi metodi, dal fai-da-te che prevede una spazzola creata ad hoc per raggiungere le parti più difficili fino a prodotti appositi venduti sul mercato, come le sfere in acciaio inox che potrete acquistare, spesso, insieme al decanter stesso.

 

Accessori

Inclusi nella confezione è possibile talvolta trovare anche degli strumenti aggiuntivi, molto popolari in tal senso sono i set di bicchieri da degustazione, per gli appassionati che vogliono condividere questo hobby con la propria dolce metà. Quando si parla di aeratori, invece, ovvero quella tipologia di decanter che ossigena rapidamente il vino e lo lascia cadere nel bicchiere privato dell’anidride carbonica, possono essere inclusi anche degli stand, in modo da utilizzarli a tavola molto più semplicemente.

Non solo vino

Se pensate che siano disponibili solo decanter per vino rosso, la realtà è ben diversa, infatti sul mercato potrete trovare anche quelli per whisky. Sebbene questo alcolico non debba essere propriamente ossigenato, inserirlo all’interno di un contenitore in vetro dal design elegante permette di ammirarne il colore ambrato e la lucentezza, rendendo il suo consumo un rituale piacevole da condividere anche con i propri amici più stretti. 

Dal momento che non vi sono regole da seguire per ossigenarlo, le forme sono svariate e tutte molto originali e piacevoli alla vista, da quelle sferiche che ricordano delle antiche ampolle fino a quelli più sobri dalle forme squadrate o impreziositi da tappi intarsiati.

 

 

 

Come usare un decanter

 

Quando si parla di decanter classico, non è molto difficile capirne l’uso. Infatti basta semplicemente versare il vino all’interno della brocca e attendere il tempo giusto affinché sia correttamente ossigenato prima di consumarlo. Non è necessaria dunque una preparazione da sommelier per capire questo concetto elementare, tuttavia esistono alcuni prodotti che hanno un utilizzo leggermente diverso.

Iniziamo però dall’elemento più importante, ovvero il tempo di permanenza all’interno del decanter. Questi prodotti servono a far ossigenare i vini rossi, per eliminare i sedimenti e far esprimere loro tutto il bouquet aromatico. Con l’ossidazione si riduce la quantità di CO2, ovvero anidride carbonica, aggiunta per la corretta preservazione della bevanda, che esaurisce però la sua utilità nel momento in cui ci si accinge a consumarlo.

Per un vino novello, l’operazione di ossidazione può durare anche svariate ore, in modo da garantire l’estrazione di tutte le note aromatiche, è consigliato dunque versare il vino nel decanter almeno tre ore prima del consumo (sebbene sia possibile aumentare a piacimento la durata di permanenza nella caraffa).

Quando parliamo invece di un vino invecchiato, l’eccessiva ossidazione potrebbe distruggere le note accumulate nel tempo, quindi la permanenza deve durare sostanzialmente di meno, indicativamente non oltre i 30 minuti.

 

Sedimenti

Il decanter si usa anche per evitare che questi vengano bevuti con il resto del liquido, pertanto bisogna prestare attenzione quando si versa il vino. Il modo migliore per farlo è procurarsi una fonte di luce che illumini il collo della bottiglia mentre lo si versa, basta in realtà una qualsiasi torcia elettrica o anche quella disponibile sulla maggior parte degli smartphone. 

In questo modo riuscirete a vedere immediatamente quando i depositi iniziano a salire e potrete interrompere la mescita del vino, magari effettuando un’operazione separata di filtraggio. Per evitare di scartare dell’ottima bevanda, è bene lasciare la bottiglia in posizione verticale almeno 24 ore prima del consumo, così i sedimenti si depositeranno sul fondo e, maneggiando con cura la bottiglia, eviterete di farli risalire.

Come pulire il decanter

Data la forma molto particolare di questi strumenti, la pulizia potrebbe rivelarsi complessa dal momento che non può essere effettuata in lavastoviglie. La loro estrema fragilità, infatti, è uno degli impedimenti che dà più grattacapi ai consumatori, anche durante il lavaggio a mano. 

Per riuscire a raggiungere la zona che solitamente ospita il vino e che potrebbe essere macchiata in seguito all’utilizzo o impolverata se invece non sfruttate l’oggetto da un po’, potreste fare affidamento su prodotti appositi come le spazzole flessibili. Queste sono composte da un manico in grado di piegarsi e una zona assorbente che pulisce al meglio tutte le parti interne del decanter.

Non si tratta però dell’unico strumento utilizzabile ma esistono anche le sfere in acciaio inox, talvolta presenti nelle confezioni di alcuni decanter. Per utilizzarle basta versarle con cura nel decanter e aggiungere una piccola quantità d’acqua e detersivo, le sfere agiranno sulle pareti interne del prodotto effettuando una sorta di “scrub” che rimuoverà le macchie.

 

 

 

Domande frequenti

 

A cosa serve il decanter?

Il decanter non è altro che una caraffa di vetro dalla forma specifica che ha lo scopo di far “decantare” il vino, ovvero far sì che entri a contatto con l’ossigeno per sprigionare tutte le note aromatiche. Questo semplice strumento è in grado dunque di far percepire tutte le note organolettiche di un buon rosso e renderle immediatamente palesi anche a chi non è un sommelier di professione. Se amate la bevanda e siete appassionati, non può mancare sulla vostra tavola, permettendovi anche di fare un figurone con amici e parenti durante una cena sofisticata.

Quanto costa un decanter?

Il prezzo oscilla da poche decine di euro fino anche al migliaio, in base ai materiali utilizzati per la realizzazione. Prodotti in plastica naturalmente avranno un costo estremamente contenuto mentre per i decanter in vetro soffiato, con dettagli realizzati a mano, potrebbero rientrare nella categoria di vere e proprie opere d’arte.

Ce n’è dunque per tutte le tasche e non è detto che con un budget limitato dobbiate rinunciare a un oggetto di design. Per avere maggiori informazioni in merito vi rimandiamo alla nostra classifica che potete trovare in alto dove avrete modo di scegliere il miglior decanter per le vostre esigenze.

 

Dove posso comprare un decanter?

Generalmente si tratta di prodotti venduti in qualsiasi supermercato o negozi specializzati in oggetti per la casa. Tuttavia, se volete trovare offerte imperdibili e scegliere comodamente da casa quello che preferite, sia dal punto di vista del design sia del prezzo, vi invitiamo a dare un’occhiata alla nostra selezione. Tra i decanter venduti online vi sono strumenti di qualità, realizzati in vetro e plastica, che si rivelano spesso un’ottima scelta anche come idee regalo.

 

Quanto tempo prima si mette il vino nel decanter?

La risposta a questa domanda non è univoca poiché in realtà tutto dipende dal tipo di vino che si vuole consumare. Partiamo quindi prima dai vini giovani, che necessitano di un periodo più lungo nel decanter per far sì che tutte le proprietà vengano a galla. Generalmente si parla di tempo di permanenza nel decanter di una o due ore prima del consumo, ricordate dunque di agire per tempo se volete servire un vino rosso giovane.

Per quelli invecchiati, invece, il discorso è differente, innanzitutto perché presentano più sedimenti, dunque un paio di giorni prima del consumo la bottiglia deve essere riportata in posizione verticale, in modo da farli depositare sul fondo. Le note aromatiche dei vini invecchiati sono molto più volatili e a contatto con l’ossigeno potrebbero svanire completamente, pertanto è bene lasciarlo decantare pochi minuti prima di servirlo, avendo cura quando si effettua il travaso nello strumento, di evitare di versare tutto il contenuto della bottiglia. Eviterete in questo modo di versare nel decanter anche i sedimenti.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments