Ardbeg Ten Years – Recensione

Ultimo aggiornamento: 20.10.21

 

Principale vantaggio

Una gamma di sapori e note aromatiche di varia natura rendono il sapore affumicato della torba bruciata molto più piacevole da gustare, rivelandosi dunque una scelta ideale sia per i neofiti che vogliono avvicinarsi al whisky di Islay sia per gli esperti della bevanda.

 

Principale svantaggio

Per le sue caratteristiche, chi ama i torbati estremi potrebbe considerarlo un po’ troppo gentile e delicato. Ricordiamo però che questa sua natura lo rende ideale per la realizzazione di cocktail dal gusto estremamente particolare e unico.

 

Verdetto 9.0/10

Una scelta interessante da provare almeno una volta. Non può essere definito il whisky più torbato che esista ma non nasconde le sue radici, ben salde sull’isola di Islay. Scegliendo Ardbeg avrete un whisky da aggiungere alla vostra collezione, non solo da condividere con gli amici nel modo più classico ma anche per stupirli con mix intriganti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

La terra del whisky

Islay, una tra le isole scozzesi più grandi, è nota ormai da decenni per la grande produzione di scotch whisky da parte di grandi compagnie che l’hanno scelta come base per la realizzazione dei propri torbati. Tra questi troviamo anche Ardbeg, la cui storia inizia nel 1815 quando John Macdougall fonda lo stabilimento originario. 

Negli anni la distilleria passa di mano in mano e per lunghi periodi verso la fine del ‘900 resta chiusa salvo poi riprendere in pieno la produzione a cavallo del nuovo millennio. Nel 1998 fu votata come miglior distilleria dell’anno, vincendo una gran quantità di premi per l’elevata qualità del whisky prodotto. 

Scegliendo Ardbeg, quindi, si punta su un brand storico che potrebbe non essere magari conosciuto come altri del settore, ma che nondimeno garantisce una resa adatta a tutti gli appassionati della bevanda.

Single Malt

Il 10 anni Islay Single Malt qui preso in considerazione fu lanciato nel 2000, divenendo subito una hit commerciale per il bilanciamento perfetto tra il sapore torbato e la dolcezza floreale. Nel 2008 ha ricevuto il titolo di World Whisky of the Year, riconoscimento della lunga esperienza e capacità di soddisfare gli amanti del whisky.

Il colore è leggermente dorato mentre l’aroma che si sprigiona all’apertura è quello di torba affumicata mitigato da note di limone e lime. Tra questi odori si fanno spazio anche pepe nero, mandorle e nocciole con un tocco di cannella, per una complessità davvero elevata.

Al palato le diverse anime di Ardbeg si fanno sentire tutte e gli aromi si traslano in sapori che persistono sul palato con un finale lungo, a metà tra un caffè espresso e pere fresche, pur basando la struttura sul sapore torbato.

Secondo gli esperti, se si effettua una comparazione con altri whisky di Islay si può immediatamente notare come l’Ardbeg dia tutto sè stesso immediatamente e sta al consumatore apprezzarne le diverse caratteristiche.

La bottiglia è venduta in un astuccio elegante decorato con un dettaglio della “A” di Ardbeg, divenuta marchio registrato nel 1911 per proteggerla da eventuali furti e tenere alta la reputazione del brand. Pertanto, si rivela anche una buona idea regalo che i conoscitori sapranno sicuramente apprezzare.

 

Mixologia

Ardbeg 10 anni Islay Single Malt può essere naturalmente bevuto da solo oppure on the rocks se siete degli estimatori che vogliono un whisky da meditazione, tuttavia chi ama realizzare cocktail non resterà deluso dalle capacità del prodotto. 

Abbiamo selezionato alcuni dei drink che potrebbero rivelarsi interessanti, iniziamo dunque con il Whisky Mac, poco conosciuto ma ideale per il periodo invernale e, grazie all’Ardbeg, acquista un sapore torbato eccezionale. Per realizzarlo avrete bisogno di 30 ml di scotch whisky, 30 ml di vino allo zenzero, 15 ml di limone e un po’ di angostura.

Per variare un po’, ecco anche il Penicillin, altro cocktail perfetto per l’autunno e l’inverno, creato nel 2005 da Sam Ross mescolando zenzero, limone e miele. Ecco dunque la ricetta: avrete bisogno di 60 ml di whisky, 22 ml di succo di limone fresco, 22 ml di sciroppo di miele, 5 fette di zenzero fresche e per concludere 7,5 ml di Ardbeg Islay Single Malt. Inserendo lo zenzero in fondo allo shaker, pestatelo e aggiungete poi il whisky, succo di limone, sciroppo di miele e ghiaccio, agitando bene. Filtrate poi in un bicchiere con ghiaccio e infine versate sopra il Single Malt Ardbeg.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI