Veuve Clicquot Yellow Label Brut – Recensione

Ultimo aggiornamento: 20.10.21

 

Principale vantaggio

Lo Yellow Label Brut è uno champagne che dà il meglio di sé quando accoppiato a cibi specifici. Il nostro consiglio è quello di acquistarlo in occasione di un percorso di degustazione di formaggi, con cui ha una sinergia impeccabile. Ottimo anche come accompagnamento per antipasti, pesce e piatti delicati.

 

Principale svantaggio

Non ha un sapore deciso e forte, si rivela dunque molto più amabile e vellutato, per questo motivo potrebbe non convincere tutti i consumatori che intendono utilizzarlo semplicemente per brindare durante un importante evento. Il costo è infine una barriera per alcuni che potrebbero preferirgli champagne più economici.

 

Verdetto: 9.3/10

Il Brut Veuve Clicquot ha una lunga tradizione, come testimonia la storia della Maison che inizia nel lontano 1772. Il Millesimato prodotto oggi ha ancora le caratteristiche di quello voluto da Madame Clicquot quindi ha un valore soprattutto agli occhi dei consumatori che amano la tradizione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Primo millesimato

La regione di Champagne è il cuore pulsante della produzione dei vini omonimi, consumati in tutto il mondo come prodotto di classe. La competizione tra le maison è agguerrita e ognuna di esse può far risalire la propria storia a secoli addietro e tra queste troviamo anche Veuve Clicquot.

La Maison Clicquot fu fondata nel 1772 dal capostipite della famiglia, Philippe, poiché possidente terriero con a disposizione una notevole quantità di vigneti. È all’inizio del 1800 però, con la rilevazione dell’attività da parte di Madame Clicquot che si inizia a produrre il primo millesimato vintage nella regione Champagne, una mossa coraggiosa che darà vita ad annate pregiate e di qualità superiore rispetto alla concorrenza. 

La Maison è prosperata nei secoli con avvenimenti recenti che hanno riportato l’interesse dei consumatori su questa casa vinicola, nel 2010 è stato infatti scoperto un relitto nel mar Baltico che aveva a bordo decine di bottiglie Veuve Clicquot, sopravvissute in fondo al mare per duecento anni con il loro contenuto intatto e perfettamente conservato.

Veuve Clicquot possiede oggigiorno vigneti molto importanti nella regione Champagne, parliamo infatti di 390 ettari attraverso 12 Gran Cru e ben 20 nei Premier Cru, notevole anche la loro attenzione allo sviluppo sostenibile con certificazioni apposite ottenute nel corso degli anni che testimoniano l’impegno verso una viticoltura che non abbia un impatto negativo sull’ambiente. Se la storia del brand ha catturato la vostra attenzione potreste prendere in considerazione l’acquisto dello champagne Yellow Label Brut, che abbiamo qui di seguito analizzato.

Caratteristiche e composizione

Il simbolo dell’azienda, composto da 50 diversi Cru, proviene dalla vendemmia del 2015 ed è composto da uve al 50% Pinot noir, 35% Chardonnay e 15% Pinot meunier. Le percentuali naturalmente variano di anno in anno in base al raccolto ma per garantire un senso di continuità e offrire lo stile tipico del brand, la Maison attinge con percentuali variabili dai vini di riserva. Per questo motivo non è possibile incappare in uno Yellow Label Brut che si discosti dal sapore originale.

Si presenta con un colore giallo dorato e sottili bollicine, al naso rilascia invece odori fruttati di pesca, prugna e pera, che si uniscono a note più dolci di vaniglia e brioche tostate. Corposo e fresco, sul palato ha una consistenza vellutata e può essere abbinato con una vasta gamma di pietanze. Consigliato l’accoppiamento con frutti di mare, pesce tra cui salmone e pasta, sposandosi molto bene anche con formaggi per un percorso di degustazione. 

Tra quelli preferiti dalla stessa Maison abbiamo il Gouda olandese, il Tomme de Montagne o il Comté. Se avete intenzione dunque di organizzare una serata raffinata tra amici, da dedicare a un percorso di assaggi sapientemente combinati, potrete puntare su questo champagne imbattibile negli abbinamenti culinari.

 

Costo

La qualità ha un prezzo e conseguentemente il Brut di Veuve Clicquot non è uno champagne economico rispetto a ciò che potete trovare sul mercato. Se ne consiglia l’acquisto a veri intenditori, appassionati, utenti che vogliono fare un regalo o desiderano stapparla per occasioni davvero importanti. Cliccando sui link presenti nella pagina verrete riportati al sito del venditore e potrete dunque valutare al meglio l’acquisto, effettuando la transazione in modo rapido e sicuro direttamente online.

Una delle caratteristiche che non ha convinto a pieno, di cui bisogna tener conto, è la sua natura molto semplice e poco strutturata, le note aromatiche infatti sono classiche e poco incisive, tanto da spingere alcuni consumatori a considerarlo eccessivamente blando. Lungi dall’essere uno champagne dal carattere deciso, Yellow Label Brut è l’emblema del gusto acquisito e necessita quindi di un’esposizione notevole alla tipologia di vino per essere apprezzato a pieno.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI