Ricetta del Bellini analcolico

Ultimo aggiornamento: 20.10.21

 

Ricetta del Bellini analcolico

Notes

Avrete dunque bisogno dei seguenti ingredienti:
180 ml di succo di pesca polposo
200 ml di acqua frizzante
60 ml di succo di limone
fettine di pesca per guarnire

Bellini è l’aperitivo sofisticato per eccellenza poiché mescola sapientemente due semplici ingredienti. Scoprite tutto ciò che c’è da sapere sul cocktail nel nostro articolo. 

 

Il Bellini cocktail nasce a Venezia, precisamente nel 1948, quando allo Harry’s Bar per celebrare la mostra di Giovan Battista Bellini venne creato il drink tanto semplice quanto elegante. La ricetta originale prevede infatti due ingredienti principali: 50 ml di polpa di pesca bianca e 100 ml di spumante brut, da servire in un bicchiere flute per prosecco decorando con una fetta di pesca bianca.

Tra i cocktail italiani è uno dei più apprezzati, soprattutto se si utilizza frutta di stagione in grado di esaltare il sapore del vino, tuttavia per chi volesse qualcosa di diverso dal classico cocktail con champagne, magari un Bellini drink privo di alcool, vi invitiamo a leggere attentamente la nostra ricetta alternativa che potete trovare nel paragrafo successivo.

Rinunciando al cocktail con spumante, dovrete sostituire necessariamente l’ingrediente alcolico con qualcosa che replichi le bollicine del vino e non c’è niente di meglio di un po’ di acqua frizzante fredda o una soda per ottenere un sapore simile all’originale. Parliamo qui del Virgin Bellini, anche conosciuto come Bellini sbagliato, aperitivo senza prosecco perfetto per chi, per esempio, deve mettersi al volante.

Raffreddate un bicchiere da vino bianco posizionandolo in frigorifero o aggiungendo dei cubetti di ghiaccio all’interno che dovranno poi essere rimossi prima di aggiungere gli ingredienti. Per ottenere un sapore indimenticabile è opportuno frullare pesche bianche di stagione, utilizzandone cinque potrete ottenere due cocktail, per voi e il vostro partner per esempio.

Versate dunque il succo ottenuto all’interno del bicchiere freddo, aggiungendo anche quello di limone e completando con acqua frizzante. Mescolate con un cucchiaino non troppo energicamente e infine decorate con una fettina di pesca.

Per chi se la sente, esistono anche delle ricette un po’ più complesse che prevedono l’aggiunta di 1 cl di miele, un pizzico di zenzero, 4 cl di succo di pompelmo al posto del succo di pesca e ginger ale al posto della soda per riempire il bicchiere. Una versione sicuramente più ardita, che richiede anche una certa maestria. Se invece non avete tempo e pazienza per la realizzazione di cocktail e volete qualcosa di immediato, ricordiamo che alcuni famosi brand vendono anche il Bellini in bottiglia.

Varianti

Naturalmente il Bellini non è solo realizzabile unicamente con spumante o alternative analcoliche ma anche altri vini. Il cocktail con prosecco è una variazione sul tema e per la sua preparazione avrete bisogno di uno shaker, nel quale dovrete versare il succo di polpa di pesca filtrato e il prosecco, agitando energicamente per qualche secondo prima di versare il tutto nel bicchiere flute.

Questo vino bianco tipico della zona veneta e del Friuli Venezia Giulia può essere mescolato anche ad altri ingredienti per ottenere dei cocktail sofisticati proprio come il Bellini, un esempio è il Pink Mimosa, che prevede l’uso di succo di pompelmo rosa, oppure il Rossini, con succo di fragole

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI